La mia foto

Dopo tanto lavoro, finalmente posso dedicarmi a quello che da sempre avrei voluto fare. Tuffarmi nel mondo della finanza, dell'economia e del trading. Lo studio è quello che più mi gratifica, dopo che la vita m'aveva portato verso altri lidi. Il mio impegno è costante e grazie ad internet sto cercando di carpire metodi consoni a questa mia nuova attività.

chart

chart

Calendario Economico fornito da Forex Pros - Il Portale di Trading sul Forex.

lunedì 12 maggio 2014

Federal Reserve...fine QE3 in autunno e rialzo dei tassi a metà 2015

Se le stime di crescita saranno confermate e l'occupazione continuerà a migliorare, la Federal Reserve potrebbe terminare il suo programma di acquisto bond già entro la fine dell'anno e procedere ad un aumento dei tassi di interesse nel 2015, grazie ad un'accelerazione dell'economia americana.
Lo ha detto, parlando da Dubai, il governatore della Fed di Atlanta Dennis Lockahrt, il quale si aspetta una crescita di circa il 3% per il 2014 e la conclusione del QE3 ad ottobre o dicembre.

Nell'ultima riunione di aprile la banca centrale americana ha tagliato il suo ritmo di acquisto di Treasury e bond ipotecari sul mercato di altri 10 miliardi di dollari, portando gli acquisti ad un totale di 45 miliardi di dollari, dagli 85 miliardi di dollari iniziali.

Con che il miglioramento delle stime di crescita, Lockhart si è detto ottimista anche sul fronte della disoccupazione che dovrebbe essere gradualmente assorbita dalla progressiva ripresa dell'economia. Secondo il funzionario della Fed, a metà del prossimo anno ci dovrebbero essere le condizioni per un rialzo dei tassi d'interesse che sono fermi allo 0-0,25% dal dicembre del 2008.

Nella sua audizione al Congresso del 7 maggio il presidente della Fed Janet Yellen aveva indicato il prossimo autunno come possibile termine del programma di acquisto di bond della banca centrale, a patto che il mercato del lavoro continui a fare progressi. source
Secondo l'ultimo rapporto del Dipartimento del Lavoro, nel mese di aprile l'economia americana ha creato 288.000 nuovi occupati e il tasso di disoccupazione è sceso al 6,3%, a livelli che non si registravano dal settembre del 2008.