La mia foto

Dopo tanto lavoro, finalmente posso dedicarmi a quello che da sempre avrei voluto fare. Tuffarmi nel mondo della finanza, dell'economia e del trading. Lo studio è quello che più mi gratifica, dopo che la vita m'aveva portato verso altri lidi. Il mio impegno è costante e grazie ad internet sto cercando di carpire metodi consoni a questa mia nuova attività.

chart

chart

Calendario Economico fornito da Forex Pros - Il Portale di Trading sul Forex.

martedì 11 giugno 2013

La Germania processa l'euro. Borse in rosso, sale lo spread


Processo all'euro
E' iniziata a Karlsruhe la due giorni di udienze sulla base della quale la Corte Costituzionale tedesca dovrà decidere sulla compatibilità con la legge nazionale delle 'Outright Monetary Transactions' (Omt), ovvero il piano di acquisto di titoli di Stato approntato, ma per ora mai applicato, dalla Bce. Il parere definitivo è atteso per settembre e potrebbe essere successivo alle elezioni politiche tedesche.
La prospettiva di un pollice verso dell'Alta Corte di Karlsruhe è però sufficiente a far tremare i mercati, dato che svuoterebbe di ogni proiettile il cosiddetto 'bazooka' di Francoforte.
E così le borse europee toccano i minimi da sei settimane, incassando perdite piuttosto pesanti a metà di una giornata iniziata già male a causa del forte ribasso di Tokyo, che ha chiuso in calo dell'1,45% per via della delusione degli investitori per il direttivo della Bank Of Japan. L'istituto nipponico non ha annunciato nuovi stimoli monetari, né menzionato misure per contrastare il rialzo dei rendimenti dei bond o la forte volatilità della borsa, due conseguenze del radicale programma di allentamento quantitativo voluto dal nuovo premier nipponico, Shinzo Abe.
Chiusura in deciso calo per la Borsa di Milano, che termina però la seduta sopra i minimi di giornata: il Ftse Mib cede l'1,63% a 16.286 punti e l'All Share  termina a -1,58%. Il mercato, sempre negativo, ha risentito da un lato delle attese per l'udienza della corte costituzionale tedesca sulla legittimita' del programma di acquisto dei titoli di Stato della Bce, dall'altro dello stop della banca del Giappone a nuove misure di stimolo dell'economia. Gli indici milanesi, arrivati a sfiorare il -3%, hanno poi parzialmente recuperato in scia a Wall Street. Giu' le banche (Intesa Sanpaolo -2,87%, Mps -1,63%); tra i titoli peggiori, Finmeccanica (-3,75%) e Mediaset (-3,94%) mentre sale Autogrill (+1,68%).  Lo spread tra Btp decennali e omologhi tedeschi chiude a 277 punti. source
Francoforte segna -1,03%, Parigi -1,39%%, Londra -0,94%, Madrid -1,68%. Affonda Atene, che cede il 4,55% sulla scia della fallita privatizzazione della società del gas Depa.
Un forte nervosismo era già stato percepibile nei giorni scorsi ai piani alti dell'Eurotower, il cui numero uno, Mario Draghi, ha dovuto sottolineare in un'intervista alla 'Zdf' come il cosiddetto 'piano anti-spread' abbia come scopo preservare la moneta unica, e non soccorrere i paesi in difficolta'. La 'Faz' era arrivata addirittura a scrivere, per poi essere smentita, che la Bce stesse valutando di porre un tetto massimo agli eventuali acquisti di bond (una decisione che, di fatto, avrebbe in parte mutato il senso delle Omt) nel tentativo di anticipare le mosse della Corte o, quantomeno, di ammorbidire i suoi otto giudici dalle rosse toghe. A ricorrere contro le Omt sono stati diversi esponenti della politica e della societa' civile tedeschi, la cui tesi è che l'acquisto di bond da parte della Bce causerebbe rischi non gestibili ai contribuenti della prima economia europea. Si tratta degli stessi soggetti che inoltrarono analoghi ricorsi contro la creazione dell'Efsf e dell'Esm (i fondi salva-stati dell'Eurozona), entrambi rigettati dall'Alta Corte. Questa volta pero' si tratta di una partita totalmente diversa e molto piu' delicata dal punto di vista degli equilibri istituzionali.
Se l'Efsf e l'Esm erano stati varati dai governi europei, il programma Omt è infatti frutto di un'iniziativa autonoma della Bce, che deve essere indipendente da ogni genere di condizionamento politico. Il primo a varcare oggi la soglia dell'Alta Corte per testimoniare è stato il ministro delle Finanze tedesco, Wolfgang Schaeuble, che si è detto sicuro che Francoforte "stia agendo nei limiti del suo mandato" e si è detto fiducioso sul verdetto.
E anche Angel Merke si schiera dalla parte di Draghi. La cancelliera, chiamata a testimoniare, affermerà che "la Bce sta facendo il necessario per stabilizzare l'euro". La stampa locale intanto si concentra sullo scontro tutto teutonico tra i due tedeschi della Bce, entrambi chiamati a testimoniare: il 'falco' Jens Weidmann, capo della Bundesbank che aveva sempre avversato il lancio del 'piano anti-spread', e la 'colomba', Joerg Asmussen, il membro del Comitato Esecutivo che rappresenta il volto più morbido di una Germania che ha ancora una volta nelle sue mani il destino del continente. Weidmann ha voluto minimizzare il conflitto. "Non si tratta di due banche centrali che lottano di fronte alla Corte", ha dichiarato ieri il presidente della Buba, nel corso di una conferenza, "due rappresentanti delle banche centrali sono stati invitati come esperti e risponderanno alle domande della Corte". "Siamo stati invitati come esperti e le udienze offriranno una buona opportunita' per spiegare i vantaggi delle Omt", gli ha fatto eco Asmussen, che non ha pero' nascosto la sua apprensione. "Ho grande rispetto per l'Alta Corte", ha aggiunto, "parlando in generale, pero', nessuna istituzione opera nel vuoto; se il programma di acquisto di titoli fosse eliminato, le conseguenze sarebbero serie".