La mia foto

Dopo tanto lavoro, finalmente posso dedicarmi a quello che da sempre avrei voluto fare. Tuffarmi nel mondo della finanza, dell'economia e del trading. Lo studio è quello che più mi gratifica, dopo che la vita m'aveva portato verso altri lidi. Il mio impegno è costante e grazie ad internet sto cercando di carpire metodi consoni a questa mia nuova attività.

chart

chart

Calendario Economico fornito da Forex Pros - Il Portale di Trading sul Forex.

martedì 18 giugno 2013

Draghi promette: "stamperemo soldi, se serve"


Un banchiere centrale non userebbe mai parole così "rozze", ma è esattamente quello che ha garantito ai "mercati" per proteggere l'euro da nuove ondate speculative.
«Siamo pronti ad agire, se necessario», usando la leva del tasso di interessi o misure non convenzionali. 

Un convegno organizzato dalla Banca d'Israele a Gerusalemme non sembrava il luogo più adatto per annunci ai macropolitica economica, ma Draghi "sente" (ovvero sa) che la costruzione dell'euro sta nuovamente tremando. 
Quindi non si è limitato a ricordare che la politica monetaria dell'Eurozona resterà "accomodante" per tutto il tempo necessario all'uscita dalla crisi. 
Facciamo sommessamente notare che ormai siano arrivati al sesto anno; da agosto entreremo nel settimo. Senza che possa esser segnalata alcuna "luce in fondo al tunnel".

Anche Draghi, però, sembra prigioniero di contraddizioni più grandi di lui (e delle teorie che usa). Sulla congiuntura, per esempio, ha ribadito la fiducia in una progressiva ripresa, ma a partireda livelli così bassi non portare alcune beneficio macro. source
La crescita delle esportazioni europee "dovrebbe" beneficiare della congiuntura internazionale (ma anche la Cina sta tirando il freno...); mentre la domanda interna potrebbe "sostenuta" dalla politica monetaria accomodante condotta dalla Bce, dal calo di prezzo del greggio, dalla maggiore fiducia dei consumatori così come dall'aumento di ricchezza collegato alla ripresa in corso sui mercati finanziari dalla scorsa estate. Speranze aleatorie, visto che l'occupazione e soprattutto la produzione continua a calare. Sia nei paesi Piigs che in quelli "forti".