La mia foto

Dopo tanto lavoro, finalmente posso dedicarmi a quello che da sempre avrei voluto fare. Tuffarmi nel mondo della finanza, dell'economia e del trading. Lo studio è quello che più mi gratifica, dopo che la vita m'aveva portato verso altri lidi. Il mio impegno è costante e grazie ad internet sto cercando di carpire metodi consoni a questa mia nuova attività.

chart

chart

Calendario Economico fornito da Forex Pros - Il Portale di Trading sul Forex.

mercoledì 8 maggio 2013

La Bufala: Tagli Tasso Bce e MES – Draghi idolatrato dai Media

Tasso Bce 0,5%: Draghi idolatrato dai Media.
Nuovo Furto MES da 2,8 Mld tra il silenzio generale
Un vantaggio per le banche, non per i contribuenti che continuano a morire di fame.
Intanto Altri 2,8 miliardi regalati al MES, il Fondo Ammazza Stati.
Gli organi d'informazione lanciano l'ennesima offensiva all'opinione pubblica...

Letta Presidente del Consiglio e taglio dei tassi Bce: Coincidenze?       
Roma, Francoforte - Pochi giorni fa, in seguito all'insediamento di Enrico Letta alla Presidenza del Consiglio, i vertici Bce hanno annunciato il taglio dei tassi d'interesse del denaro allo 0,5%. Tutti gli organi d'informazione, salvo casi isolati, hanno accolto la notizia con particolare fervore, inducendo l'opinione pubblica a nutrire, per l'ennesima volta, delle false speranze. Quest'iniziativa, spacciata dai media internazionali come popolare e volta al proletariato, tuttavia non ha niente a che fare con i ceti più bassi della popolazione che continueranno, oggi come prima, a pagare le salate tassazioni sui prestiti ai principali istituti bancari del Paese. Alla nota trasmessa dalla Bce, infatti, non è stata affiancata nessuna norma volta a regolare i prestiti tra le banche e i contribuenti, mantenendo in vita l'infame sistema di strozzinaggio bancario che, ormai da decenni, distrugge le speranze di milioni di lavoratori. Vedi gli Accordi di Basilea 3 e l'inasprimento contestuale dei coefficienti di riserva patrimoniale bancari decisi nel 2012 con la compiacenza dello stesso Europarlamento (vedi articoli in allegato).
Nessun vantaggio per i contribuenti – Nuovo Futro MES                         
Non ha motivo di esultare chi ha chiesto un mutuo o qualsiasi altra somma di denaro: il tasso d'interesse, nel suo caso, rimarrebbe invariato, nonostante lo sconto della Bce agli istituti bancari, gli unici che possono giovare dell'attuale situazione economica. Risulta chiaro come il piano di rifinanziamento delle banche stia raggiungendo, nell'ombra, il suo completamento. Il debito pubblico accumulato grazie agli investimenti sbagliati legati in particolar modo alle banche d'oltremanica e d'oltreoceano, sta spremendo ogni risorsa rimasta nel Vecchio Continente che oggi è costretto ad elargire nuovi ed importanti contributi al sistema finanziario locale e al MES (Fondo Ammazza Stati Permanente). source
L'ultima beffa della Bce ha spinto la maggior parte della popolazione Ue ad abboccare all'esca mediatica lanciata negli ultimi giorni, sottolineando come nell'aria sia presente un forte vento di cambiamento. Inutile dire che queste fandonie servono soltanto a distogliere l'opinione pubblica dal nocciolo della questione: queste manovre vanno sempre e soltanto a discapito dei piccoli contribuenti. Per tacere sul vergognoso caso MES: lo stato in questi giorni, nel silenzio più assoluto dei soliti media di regime, ha versato 2.8 miliardi di euro nel calderone della speculazione bancaria. Somma che si va a sommare ai 40 miliardi finora regalati ai nostri stessi aguzzini.
L'attacco mediatico 
Così, mentre si inneggia a Mario Draghi come nuovo Guru e Messia del sistema economico internazionale, il cittadino medio  continua a vivere tra le proprie disgrazie, costretto al pagamento di debiti mai accumulati. Convinto che Draghi, condivisore della nostra stessa nazionalità, possa per qualche oscuro motivo venire incontro alla povera gente italiana, l'operaio si regala quel quarto d'ora di pace di fronte al Tg delle 20, prendendosi per i fondelli. Purtroppo la realtà non è questa e, malgrado lo stesso Draghi abbia identificato un segnale di ripresa entro la fine del 2013, si prospettano tempi ancor più cupi. I mostri del MES e del FMi continuano ad aleggiare indisturbati sulle teste dei contribuenti europei, sempre più poveri e senza speranze. Un tempo in momenti di forte difficoltà, come questo, la politica provvedeva attraverso le proprie istituzioni ad allentare la presa sul cittadino, introducendo delle norme blande atte a garantire un pò di serenità alla popolazione. Oggi non occorre più farlo: basta essere dei maestri nel mascherare delle notizie cattive con l'abito di quelle buone.