La mia foto

Dopo tanto lavoro, finalmente posso dedicarmi a quello che da sempre avrei voluto fare. Tuffarmi nel mondo della finanza, dell'economia e del trading. Lo studio è quello che più mi gratifica, dopo che la vita m'aveva portato verso altri lidi. Il mio impegno è costante e grazie ad internet sto cercando di carpire metodi consoni a questa mia nuova attività.

chart

chart

Calendario Economico fornito da Forex Pros - Il Portale di Trading sul Forex.

martedì 28 maggio 2013

Da giugno la UE potrà imporre modifiche alle leggi finanziarie degli Stati

NEL MASSIMO SILENZIO ... da giovedi’ entrerà in vigore nella zona euro il "Two pack", un pacchetto di regole che da’ nuovi poteri alla Commissione Ue tra cui quello di "imporre" modifiche alle leggi finanziarie degli Stati.


Approvato: la UE potrà “imporre” modifiche alle
finanziarie degli Stati

***20 febbr.2013 – Accordo tra Parlamento Ue, Consiglio e Commissione sul ‘Two pack‘, che rafforza la governance europea e da’ nuovi poteri alla Commissione tra cui quello di ‘imporre’ modifiche alle finanziarie degli Stati.
Il ‘two pack’ era bloccato da mesi perche’ il Parlamento voleva inserirvi il ‘fondo di redenzione del debito’ dove far confluire le eccedenze degli Stati da riscattare in 25 anni, ma a causa dell’opposizione della Germania si solo e’ delegato a un gruppo di saggi lo studio di fattibilita’.
Il Parlamento si e’ poi voluto assicurare che la nuova stretta sulla governance tenga conto degli sforzi gia’ fatti dai Paesi e non aggravi quindi le richieste sui bilanci gia’ falcidiati. ”Bisogna assicurare che i tagli non vengano fatti a discapito di investimenti con potenziale di crescita”, spiega il Parlamento.
Agli Stati verra’ quindi chiesto di dettagliare quali investimenti hanno un potenziale di crescita e occupazione, e ”la riduzione dei loro deficit dovra’ essere applicata in modo piu’ flessibile in circostanze eccezionali o in condizioni di andamento molto negativo dell’economia”.
Per il commissario agli affari economici Olli Rehn si tratta di un passo in avanti ”significativo, che consente all’eurozona di beneficiare di una politica piu’ integrata ed efficace già dal ciclo finanziario del 2014”. Per il presidente del Parlamento Martin Schulz il two pack rende l’Europa ”piu’ forte di fronte a nuove crisi”.***
Agli Stati verra’ quindi chiesto di dettagliare quali investimenti hanno un potenziale di crescita e occupazione, e ”la riduzione dei loro deficit dovra’ essere applicata in modo piu’ flessibile in circostanze eccezionali o in condizioni di andamento molto negativo dell’economia”. source

In base alle nuove norme, gli Stati dovranno presentare le loro finanziarie a Bruxelles entro il 15 ottobre. La Commissione entro il 30 novembre le analizzera’ e dara’ la sua opinione, e se riterra’ che gli Stati non rispettano i vincoli del Patto di stabilita’, facendo spese troppo azzardate, chiedera’ ai governi di modificarle. Ed entro il 31 dicembre gli Stati dovranno adottare le loro leggi finanziarie.

Inoltre, entro il 30 aprile, insieme ai ‘Piani nazionali di riforma’ con i programmi su crescita e occupazione, i Paesi dell’euro dovranno presentare anche quelli di ‘stabilita”, cioe’ come raggiungere gli obiettivi di bilancio che per l’Italia e’ il pareggio strutturale nel 2015