La mia foto

Dopo tanto lavoro, finalmente posso dedicarmi a quello che da sempre avrei voluto fare. Tuffarmi nel mondo della finanza, dell'economia e del trading. Lo studio è quello che più mi gratifica, dopo che la vita m'aveva portato verso altri lidi. Il mio impegno è costante e grazie ad internet sto cercando di carpire metodi consoni a questa mia nuova attività.

chart

chart

Calendario Economico fornito da Forex Pros - Il Portale di Trading sul Forex.

giovedì 28 marzo 2013

Investitori in fuga dalla Slovenia. L'allarme di Intesa-Sanpaolo sulle banche di Lubiana

"E' una nazione dai fondamentali pessimi, i peggiori degli Stati dell'area
dell'Europa Centro Orientale. Basta guardare al debito estero. Negli anni passati, le imprese e lo Stato hanno finanziato la crescita ricorrendo troppo ai capitali privati senza far sviluppare il risparmio privato. La situazione è peggiorata con la recessione del 2012 che ha fatto esplodere le sofferenze bancarie e nell'ultima settimana, dopo lo scoppio della crisi cipriota, il quadro
sta assumendo toni preoccupanti, perchè i mercati pensano che la Slovenia sia il nuovo malato d'Europa, il prossimo Paese a dover ricorrere agli aiuti della troika Fmi-Ue-Bce. Gli investitori esteri stanno scappando. Basta vedere l'allargamento della forbice dello spread".
Commenta così con Affaritaliani.it un banchiere italiano che opera nella vicina Slovenia, un Paese piccolo con un Pil di 36 miliardi di euro, ammontare uguale al reddito prodotto dalle Marche, ma con due milioni di abitanti e un sistema bancario in forte tensione. Sistema da cui si approvvigionano anche molte imprese italiane: 218 (sopra 2,5 milioni di euro di fatturato) su 6.000 aziende presenti in tutta l'area Central-East Europe (Cee), una presenza importante (486, per fare un confronto illuminante, sono le imprese operanti nell'estesa e più promettente Russia) che impiega circa 4.500 dipendenti. Numero cresciuto del 50% dal 2005 a oggi. Molto esposte sono anche le banche italiane che complessivamente hanno impiegato nella piccola repubblica ex comunista circa 7,6 miliardi, più del 20% del Pil del Paese (1,3 miliardi è invece il totale dell'esposizione degli istituti italiani verso Cipro).
Fra le prime quattro banche slovene (dominanti nell'intero comparto bancario), tre infatti sono statali e una è a capitale privato, ma sempre di Lubjiana e non come gli altri Paesi dell'area Cee dove i principali gruppi bancari sono sì a capitale privato, ma estero. Un sistema chiuso che rischia di avvitarsi su se stesso a causa di  sofferenze bancarie (crediti ormai inesigibili) che hanno toccato quota 7 miliardi di euro, il 14,4% del totale dei crediti erogati (cifra che peggiora e cresce a oltre il 30% considerando solo le banche pubbliche). Gli istituti sloveni sanno, cioè, che prestando 100 euro, oltre 14 non verranno restituiti. Trend che ha fatto chiudere i cordoni della borsa (credit crunch) e che peggiora ulteriormente la congiuntura economica.

 L'ultimo report di Intesa-Sanpaolo, che a Lubiana controlla Banca Koper e di cui Affaritaliani.it ha preso visione, spiega infatti che "nel 2012 in Slovenia il sistema bancario ha subito una contrazione del 6% del totale attivo. In particolare, il calo degli impieghi (-5,1% anno su anno nel settore privato) ha subito un’accelerazione negli ultimi mesi del 2012 anche per effetto di un incremento delle perdite su crediti. Le sofferenze hanno raggiunto i 7 miliardi di euro (fonte Thomson-Reuters) ovvero pari al 14,4% degli impieghi (dall’11,2% nel 2011), ma al 20,5% nelle tre maggiori banche (dove circa 1/3 degli impieghi alle imprese è in sofferenza (fonte FMI)". source
Così, proseguono gli analisti del gruppo Intesa, "nel corso dell’anno sono diminuiti sia gli impieghi alle famiglie (-1,9% anno su anno) sia soprattutto quelli alle imprese (-6,5% sempre anno su anno)". A fine 2012, le banche slovene hanno "chiuso l’esercizio in perdita, per il terzo anno consecutivo, seppure con differenziazioni tra le pubbliche e le private, con un risultato ante imposte pari nel complesso a -664 milioni di euro, soprattutto a causa delle perdite su crediti e degli accantonamenti che sono stati pari a 470 milioni di euro".
Insomma, un sistema che ha già ricevuto un'iniezione di liquidità per un miliardo di euro, visto la creazione di una bad bank alla spagnola (progetto bocciato però dalla Corte Costituzionale e dunque in stanb-by), ma che avrà bisogno di un secondo round di ricapitalizzazioni. Operazione che rischia di far lievitare, in stile irlandese, ancora il debito pubblico, che è poco inferiore al 55% del Pil, ma in forte crescita dal 35% del 2008. Spazi per indebitarsi dunque ci sono, ma chi ci metterà i soldi se gli investitori se ne stanno andando a gambe levate anche perché la recessione non mollerà la presa nemmeno quest'anno?
Ecco il report di Banca intesa su "AREA CENTRO-EST EUROPA E SULLE BANCHE SLOVENE"
E poi anche il report  "CON FOCUS SULL'ECONOMIA SLOVENA"