La mia foto

Dopo tanto lavoro, finalmente posso dedicarmi a quello che da sempre avrei voluto fare. Tuffarmi nel mondo della finanza, dell'economia e del trading. Lo studio è quello che più mi gratifica, dopo che la vita m'aveva portato verso altri lidi. Il mio impegno è costante e grazie ad internet sto cercando di carpire metodi consoni a questa mia nuova attività.

chart

chart

Calendario Economico fornito da Forex Pros - Il Portale di Trading sul Forex.

sabato 2 marzo 2013

Fitch: l'instabilità in Italia non piace


L'agenzia di rating è delusa dell'esito delle elezioni politiche e resta sull'attenti per una possibile bocciatura.

"La prospettiva di un periodo lungo di instabilità dopo le elezioni italiane aggiunge pressioni sul rating sovrano del Paese. Ha il potenziale per mettere a repentaglio la continuità delle politiche portate avanti fino ad oggi pesando ulteriormente su un'economia già debole". Lo scrive Fitch in un report che segue quelli arrivati nei giorni scorsi da S&P e Moody's.

L'agenzia di rating ricorda quanto sostenuto a dicembre, quando confermò il giudizio "A-" e un outlook negativo per la Penisola: incertezza economica e instabilità politica potrebbero provocare una bocciatura.

"Misure ambiziose di consolidamento già adottate potrebbero significare un deficit sotto il 3% del Pil nel 2012, in linea con le nostre aspettative. source
Qualsiasi nuovo governo sarà fiscalmente legato dalla previsione costituzionale dell'anno scorso che richiede al governo centrale il pareggiamento di bilancio dal 2014", scrive Fitch.

"Ma il consolidamento fiscale da solo, senza crescita economica, non sarà sufficiente per stabilizzare il rapporto tra debito e Pil", avvertono gli analisti dell'agenzia di rating precisando che "l'esito inconcludente delle elezioni" ha "esacerbato la nostra preoccupazione sulle prospettive economiche del Paese. Una prolungata incertezza politica può danneggiare l'umore e frenare ulteriori riforme strutturali".

Fitch sembra mettere in allerta il prossimo governo italiano: "se emerge un governo debole, sarà meno capace di rispondere agli shock economici".

L'agenzia di rating passa in rassegna i dati economici del quarto trimestre dell'anno scorso, che hanno confermato che "l'Italia sta attraversando una recessione prolungata e profonda.
Il tasso della contrazione trimestrale ha accelerato nonostante condizioni finanziarie in miglioramento nell'Eurozona". E per il futuro non ci sono prospettive rosee: "Non ci aspettiamo che una ripresa inizi prima della seconda metà del 2013".

Fitch conclude con un apprezzamento indiretto a quanto sta facendo la Banca centrale europea, che funge da "scudo contro rischi di contagio nell'Eurozona".