La mia foto

Dopo tanto lavoro, finalmente posso dedicarmi a quello che da sempre avrei voluto fare. Tuffarmi nel mondo della finanza, dell'economia e del trading. Lo studio è quello che più mi gratifica, dopo che la vita m'aveva portato verso altri lidi. Il mio impegno è costante e grazie ad internet sto cercando di carpire metodi consoni a questa mia nuova attività.

chart

chart

Calendario Economico fornito da Forex Pros - Il Portale di Trading sul Forex.

giovedì 28 febbraio 2013

Carovita-Niente intesa sul governo? Costerà 585 euro a famiglia

Nuova legislatura e antichi problemi.
Se il parlamento non troverà un accordo sulla nascita di un nuovo governo, i primi a pagare saranno i contribuenti.
Serve subito un'intesa per scongiurare 14,7 miliardi di tasse in più.
Per ciascuna famiglia l'aggravio medio sarà pari a 585 euro.

Non solo spread...
Se il parlamento non troverà un accordo sulla nascita di un nuovo governo, i primi a pagare saranno i contribuenti. Serve subito un'intesa per scongiurare 14,7 miliardi di tasse in più. Lo chiede la Cgia di Mestre. "In campagna elettorale non erano forse tutti d'accordo per abbassare le tasse ed aiutare le piccole imprese? Perché, allora, non si trova un accordo su queste priorità e si dà vita ad un Esecutivo che affronti questi problemi per ridare un po' di speranza al Paese?", afferma il segretario, Giuseppe Bortolussi, ritornando sulla situazione di stallo venutasi a creare dopo il risultato elettorale, ricordando che mai come in questo momento è necessario approvare delle misure legislative che sterilizzino gli aumenti fiscali boom previsti per l'anno in corso. source
Le previsioni sono "drammatiche. Quest'anno - prosegue Bortolussi - la pressione fiscale toccherà il 45,1% sul Pil. Un record che in passato mai avevamo raggiunto. In termini assoluti gli italiani pagheranno 14,7 miliardi di euro di tasse e contributi previdenziali in piu' rispetto al 2012. Per ciascuna famiglia italiana l'aggravio medio di imposta sarà pari a 585 euro: una vera e propria stangata". E' evidente, prosegue la Cgia, che con una crisi economica e una pressione fiscale di queste dimensioni i partiti non possono rimanere alla finestra. Bisogna formare un Governo e intervenire per scongiurare l'aumento dell'Iva e l'impatto della Tares previsto a luglio, il ritocco all'insù dell'Imu sui capannoni, lo sblocco di una buona parte degli 80/90 miliardi di euro che le imprese avanzano dallo Stato. Se ciò non avverrà, l'aggravio fiscale aggraverà ulteriormente la crisi e, con essa, favorirà la crescita del numero dei senza lavoro.