La mia foto

Dopo tanto lavoro, finalmente posso dedicarmi a quello che da sempre avrei voluto fare. Tuffarmi nel mondo della finanza, dell'economia e del trading. Lo studio è quello che più mi gratifica, dopo che la vita m'aveva portato verso altri lidi. Il mio impegno è costante e grazie ad internet sto cercando di carpire metodi consoni a questa mia nuova attività.

chart

chart

Calendario Economico fornito da Forex Pros - Il Portale di Trading sul Forex.

martedì 29 gennaio 2013

In tempi di crisi ... ecco i 20 paesi con più rapida crescita nel mondo


In questo mese, la Banca Mondiale ha tagliato le previsioni di crescita globale per  il 2013 al 2,4% (dal 3,0%), con previsione nel 2014 al 3,1% (dal 3,3%) tentando anche la previsione per il 2015 col 3,3% di crescita ipotizzata.


Le proiezioni economiche specifiche per ciascun paese della Banca Mondiale (Global Economic Prospects) sono chiare su una cosa: le economie avanzate non  guideranno la crescita globale.
Da questo presupposto ecco i 20 paesi con il più alto tasso previsto di crescita annuale composta (CAGR) dal 2013 fino al 2015, in base alle stime della
sopracitata Banca Mondiale.
Un avvertimento - questa non è una lista delle migliori economie del mondo, o paesi con i più alti standard di vita. In realtà, la disuguaglianza del reddito e molte piaghe di queste nazioni rimangono, in quanto hanno livelli estremamente bassi di PIL pro capite. Alcuni di questi paesi sono "nazioni di frontiera "- con livelli estremamente bassi di PIL - e come tali hanno un periodo sicuramente più agevolato nel raggiungere un elevato tasso di crescita in questo periodo selezionato.
La maggior parte dei paesi sono poco sviluppati, specie nella carenza di infrastrutture rispetto alla cosistenza della popolazione . Il valore economico comunque, si basa soprattutto sulle esportazioni di minerali con petrolio e gas alla base di tutto.

Uganda

# 20: Uganda
2012 PIL : 3,40%
PIL 2013 : 6,20%
2013-2015
CAGR del PIL
 : 7,27%
Economia : Circa l'80 per cento della forza lavoro ugandese è impiegata in agricoltura, anche se il paese ha minerale significativo e riserve di petrolio. Le riforme avviate nel 1990 continuano a fornire una solida base per la crescita, limitando l'inflazione, mentre migliorando redditi e produzione.

Cambogia
# 19: Cambogia
2012 PIL : 6,60%
PIL 2013 : 6,70%
2013-2015
CAGR del PIL
 : 7,39%
L'economia cambogiana molto forte nel tessile per oltre il 70% delle esportazioni del paese. Recenti scoperte di petrolio e lo sviluppo continuo di risorse minerali avrà un impatto positivo sulla crescita del PIL. Un potenziale a lungo termine in termini di crescita: l'educazione e la creazione di posti di lavoro per i giovani cambogiani, con la maggior parte della sua popolazione al di sotto dei 25 anni. 

Tanzania
# 18: Tanzania
2012 PIL : 6,50%
PIL 2013 : 6,80%
2013-2015
CAGR del PIL
 : 7,43%
Economia : Questo Paese di 'frontiera' è tra i più poveri al mondo in termini di PIL pro capite. L'agricoltura rappresenta oltre il 25 per cento del PIL e l'85 per cento delle esportazioni, impiegando circa l'80 per cento della forza lavoro. Il paese possiede significative risorse di diamanti, oro e ferro.

Zambia
# 17: Zambia
I lavoratori agricoli in un campo di mais in una fattoria vicino a Lusaka, Zambia
2012 PIL : 6,70%
PIL 2013 : 7,10%
2013-2015
CAGR del PIL
 : 7,46%
Economia : privatizzazione delle miniere di rame hanno fornito uno stimolo per la crescita dal 1990. La crescita economica è vulnerabile agli shock dei prezzi in rame. Il FMI ha perdonato $ 6 miliardi di debiti dello Zambia nel 2005. La nazione fatica a tenere sotto controllo l'inflazione.

Panama
# 16: Panama
2012 PIL : 10,00%
PIL 2013 : 7,50%
2013-2015
CAGR del PIL
 : 7,50%
Economia : Il settore dei servizi rappresenta oltre tre quarti del PIL. La capacità del canale di Panama è destinato a raddoppiare entro il 2014, il culmine di un progetto di 7 anni che costa $ 5,3 miliardi. La disoccupazione in questa nazione latino-americana è scesa a un minuscolo 3 per cento nel 2011.

Sri Lanka
# 15: Sri Lanka
2012 PIL : 6,10%
PIL 2013 : 6,80%
2013-2015 
CAGR del PIL : 7,54%
Economia : il PIL è stato sostenuto dalla ricostruzione dello Sri Lanka dopo decenni di guerra. La crescita è ostacolata dal pagamento di debiti elevati, ma il reddito nazionale pro capite è tra i più alti della regione.

Uzbekistan
# 14: Uzbekistan
2012 PIL : 8,20%
PIL 2013 : 7,50%
2013-2015 
CAGR del PIL : 7,62%
Economia : Le ex regioni sovietiche hanno esportazioni da stato satellite di gas naturale, oro, e il cotone - ma ha ricevuto critiche internazionali per la quantità di lavoro minorile utilizzata nella produzione di quest'ultimo. La disuguaglianza di reddito è in crescita, dopo l'indipendenza della nazione. Il suo relativo isolamento dall'economia globale sinistra Uzbekistan isolato da una flessione maggiore dovuta alla crisi finanziaria.

Gambia
# 13: Gambia
2012 PIL : 3,90%
PIL 2013 : 10,70%
2013-2015
CAGR del PIL
 : 7,85%
Economia : Gambia ha poche risorse naturali con un settore agricolo sottosviluppato. Il paese è legato alla trasferimenti dall'estero e aiuti esteri. La sua posizione su questa lista è dovuto alla base del basso PIL, che distorce artificialmente proiezioni di crescita verso l'alto rispetto alle altre nazioni. Turismo, in particolare l'eco-turismo, è in piena espansione.

Ruanda
# 12: Ruanda
2012 PIL : 7,70%
PIL 2013 : 7,5 -%
2013-2015 
CAGR del PIL : 7,88%
Economia : Ruanda ha un tempo più facile raggiungimento di elevati tassi di crescita del PIL a causa del suo basso livello di partenza, rispetto al sviluppate economie europee o degli Stati Uniti. Oltre il 90% della forza lavoro è impegnata nell'agricoltura di sussistenza. Il governo ruandese ha investito in tecnologia dell'informazione, nonché l'insegnamento nello sforzo di promuovere una crescita economica sostenibile.

Repubblica Democratica del Congo
# 11: Repubblica Democratica del Congo
AP Photo / Melanie Gouby
2012 PIL : 6,60%
PIL 2013 : 8,20%
2013-2015
CAGR del PIL
 : 7,92%
Economia : Anche se la nazione ha grande potenziale ricchezza, la crescita è stata limitata a causa della corruzione e della guerra. Il settore minerario prevede per la maggior parte delle esportazioni del paese, e comprende diamanti, oro e rame. La Repubblica Democratica del Congo ha ricevuto la riduzione del debito dal FMI nel 2010.

Etiopia
# 10: Etiopia
Uncharted Africa Safari Co. / Ralph Bousfield
2012 PIL : 7,80%
PIL 2013 : 7,50%
2013-2015
CAGR del PIL
 : 7,96%
Economia : caffè è stata una delle principali esportazioni per la nazione. Mentre i tassi di crescita del PIL sono elevati, il PIL pro capite rimane tra i ritardatari globali. In Etiopia, lo stato possiede tutti i terreni, che è significativo in quanto l'agricoltura rappresenta oltre il 40 per cento del PIL.

Angola

# 9: Angola
2012 PIL : 8,10%
PIL 2013 : 7,20%
2013-2015
CAGR del PIL
 : 8,08%
Economia : Membro OPEC ha l'85 per cento del suo PIL proveniente dalla produzione di petrolio e dalle industrie connesse. La nazione resta segnata dalla corruzione e le mine rimaste da decenni di guerra civile. La maggior parte degli angolani s'ingegnano per guadagnarsi da vivere. 


Laos
# 8: Laos
2012 PIL : 8,20% 
PIL 2013 : 7,50%
2013-2015
CAGR del PIL
 : 8,08%
Economia : il 75% della forza lavoro del Laos sussistenza pratiche, che rappresenta circa il 30% del PIL. Gli investimenti esteri in idro, l'estrazione mineraria e la costruzione ha stimolato la crescita del Laos e la riduzione della povertà nel corso degli ultimi due decenni. Debito Laos è modesto rispetto a molti dei suoi omologhi asiatici.

Ghana
# 7: Ghana
2012 PIL : 7,50%
PIL 2013 : 7,80%
2013-2015
CAGR del PIL
 : 8,15%
Economia : settore sviluppato in Ghana riguarda i servizi che contribuiscono al 50% del PIL, mentre la produzione di petrolio, oro e cacao  fornisce la base per la crescita futura. L'inflazione dovrebbe superare anche una robusta crescita del PIL reale nel corso dei prossimi due anni, e la riduzione del carico del debito rimane una sfida per il reddito medio di questa nazione africana.

Mozambico
# 6: Mozambico
2012 PIL : 7,50%
PIL 2013 : 8,00%
2013-2015
CAGR del PIL
 : 8,73%
Economia : La maggior parte della popolazione del Mozambico vive al di sotto della soglia di povertà, e gli account di aiuti esteri incidono per la metà del bilancio del suo governo. L'alluminio copre un terzo delle esportazioni del paese, e la volatilità del prezzo della merce ha un impatto significativo sulla crescita del PIL. 

Cina
# 5: Cina
2012 PIL : 7,90%
PIL 2013 : 8,40%
2013-2015
CAGR del PIL
 : 8,77%
Economia : il più grande esportatore del mondo e la seconda più grande economia si è progressivamente passati da un caso isolato, lo stato-economia pianificata ha introdotto elementi di libero mercato. L'invecchiamento della popolazione, diminuzione terreni agricoli, la mancanza di consumo interno, e la riduzione degli squilibri regionali sono rischi al ribasso per la crescita del PIL cinese. La Cina è in prima linea nello sviluppo di energie alternative, in particolare nel solare.

Sierra Leone
# 4: Sierra Leone
2012 PIL : 25,00%
PIL 2013 : 11,10%
2013-2015
CAGR del PIL
 : 9,54%
Economia : Quasi la metà della forza lavoro è impegnata in agricoltura di sussistenza, che lascia riserve minerarie importanti della nazione relativamente poco sviluppate. I diamanti rappresentano circa la metà del valore delle esportazioni della Sierra Leone. In passato, questi erano in primo luogo "diamanti insanguinati", anche se la nazione ha lavorato duramente per riparare la sua immagine.

Repubblica Democratica di Timor-Leste
# 3: Repubblica Democratica di Timor-Leste
2012 PIL : 10,00%
PIL 2013 : 10,00%
2013-2015
CAGR del PIL
 : 10,63%
Economia : perforazione offshore di petrolio e gas è la principale fonte di entrate pubbliche. Il governo ha aumentato la spesa per le infrastrutture di continuare a riparare i danni causati dalle truppe indonesiane nel 1999. La disoccupazione e la dipendenza da O & G sono ostacoli alla crescita.

Iraq
# 2: Iraq
2012 PIL : 11,10%
PIL 2013 : 13,50%
2013-2015
CAGR del PIL
 : 12,23%
Economia : l'afflusso di investimenti esteri è previsto un incremento a seguito di ritiro delle truppe statunitensi. Le esportazioni di petrolio, l'impeto per la ricchezza della nazione, sono tornati a livelli prebellici. L'adozione dei principi del libero mercato, rafforzano il quadro giuridico per le imprese, e lo sviluppo delle infrastrutture irachene sono le chiavi di volta per la crescita del Paese.

Mongolia
# 1: Mongolia
2012 PIL : 11,80%
PIL 2013 : 16,20%
2013-2015
CAGR del PIL
 : 13,60%
Economia : Mongolia con successo la transizione da uno stato di guerra fredda satellite sovietico in semi-moderna economia mista capitalista. Depositi di minerali di rame, oro, carbone, uranio, stagno e tungsteno sono le principali fonti di ricchezza della Mongolia. Esportazioni di materie prime - a grande maggioranza la Cina - e degli investimenti esteri guiderà la crescita del PIL. 


Questo paese ha sfiorato questa lista  classificandosi  alla posizione n° 22.
Questo paese ha sfiorato in questa lista: è classificato alla posizione # 22.

 

Straordinarie immagini di Myanmar, il piu caldo Paese al mondo per inutilizzo delle sue risorse naturali. source