La mia foto

Dopo tanto lavoro, finalmente posso dedicarmi a quello che da sempre avrei voluto fare. Tuffarmi nel mondo della finanza, dell'economia e del trading. Lo studio è quello che più mi gratifica, dopo che la vita m'aveva portato verso altri lidi. Il mio impegno è costante e grazie ad internet sto cercando di carpire metodi consoni a questa mia nuova attività.

chart

chart

Calendario Economico fornito da Forex Pros - Il Portale di Trading sul Forex.

giovedì 10 gennaio 2013

Il piano di salvataggio europeo sembra dimenticato ... ma non è così

Dopo un pò di tempo fuori dalle luci della ribalta, i politici europei stanno per intensificare i negoziati sul contenzioso bancario dei partners europei, che torna al centro della scena, nella linea dell'euro crisi.

Nel giugno dello scorso anno, Cipro aveva chiesto un piano di salvataggio dalla "troika" dei creditori della zona euro presso la Commissione europea, Banca centrale europea e il Fondo monetario internazionale.

Nel sistema bancario infatti, il membro più piccolo della zona euro, è stato
scosso da swap su bond greci, verificatosi nella prima parte dell'anno scorso - le banche cipriote erano grandi titolari del debito greco e sono state costrette a prendere svalutazioni gravi come parte della transazione, che ha richiesto un piano di salvataggio da parte dello Stato cipriota. Questo, a sua volta, è stato costretto a chiedere l'aiuto alla (cosiddetta) troika.
L'accordo tra Cipro e la troika ancora non è avvenuto e oggi, da relazioni emerse sulla stampa tedesca, si rileva che l'accordo verrà rinviato fino al prossimo marzo, e le banche cipriote potranno richiedere ancora più denaro di quanto previsto in precedenza per essere ricapitalizzate. La nuova stima è di € 11 miliardi, rispetto a € 9 miliardi di prima.
Questo non si sposa bene con la politica della Germania - data la reputazione del sistema bancario cipriota come un "black money" rifugio per contanti Russo - e questo significa che i negoziati a Cipro potrebbero diventare l'ennesimo ostacolo per i leader europei che cercano di navigare nella crisi in corso.
Un titolo nel tedesco Der Spiegel ha riassunto la situazione in modo molto succinto nel mese di novembre: " l'aiuto dell'Unione europea per Cipro, un campo minato politico per la Merkel ."
Oggi, i leader tedeschi hanno rivelato che non c'era molto sostegno nel legislatore tedesco per l'affare Cipro.
"Se l'impressione che si manterrà il contribuente tedesco deve essere ritenuta responsabile per i capitali in nero di Cipro, allora l'aiuto non sarebbe giustificabile," Questo è quello che Rainer Brüderle, che dirige il partito politico FDP, membro della coalizione junior nel governo tedesco, ha detto al giornale tedesco Bild.
L'opposizione ha detto praticamente la stessa cosa. Sigmar Gabriel, leader di SDP, ha confermato al quotidiano tedesco Süddeutsche Zeitung, "Allo stato attuale, non riesco a immaginare contribuenti tedeschi salvare le banche cipriote, il cui modello di business dipende dalla complicità e dalla frode fiscale."
Da novembre in un articolo del Der Spiegel  incentrato su un rapporto di intelligence classificato corretto dalla agenzia di intelligence tedesca BND sul riciclaggio di denaro a Cipro, ha ritenuto piuttosto pervasivo il riciclaggio di denaro russo attraverso Cipro, specie dopo il crollo dell'Unione Sovietica. source
Der Spiegel ha anche spiegato al cancelliere tedesco Angela Merkel che firmare un controverso piano di salvataggio delle banche cipriote finanziate dai contribuenti tedeschi, o rischiare le ricadute finanziarie che potrebbero colpire la zona euro, non è proprio una cosa giusta.
Così, la Germania e la troika hanno chiesto a Cipro le stesse riforme di crisi economica e le privatizzazioni di beni dello Stato che hanno caratterizzato i salvataggi di altri Stati membri della zona euro, come la vicina Grecia.
Tuttavia, il presidente cipriota Demetris Christofias, comunista, ha rifiutato di soddisfare tali richieste.
Questo è il motivo riportato dalla stampa tedesca di oggi, ove riferisce che i negoziati tra Cipro e la troika hanno subito ritardi fino a marzo - Cipro detiene elezioni presidenziali a metà febbraio, Christofias rischia di essere disarcionato da un conservatore. Se succederà, la troika spera che sarà un pò più facile da convincere.
Oggi, in una conferenza stampa, la Merkel ha dichiarato: " Siamo d'accordo, è importante che la troika dovrebbe parlare con Cipro e che non ci possono essere condizioni particolari per Cipro, perché abbiamo delle regole comuni in Europa ", e ha detto che "siamo ben lontani dalla fine dei colloqui ".
Nel mese di novembre, lo  stratega  Athanasios Vamvaki di BofA Merrill Lynch FX ha avvertito che "Cipro potrebbe rivelarsi un punto debole e che potrebbe aggiungere altre preoccupazioni del mercato circa la crisi della zona euro".
Anche se da molti Cipro è vista come un'economia piccola, senza la possibilità di condizionare molto l'eurozona, Vamvakidis ha indicato un paio di cose che gli investitori devono considerare :
Se il debito di Cipro 'finisce alto come le suddette stime suggeriscono, perdite del settore ufficiale possono essere difficili da evitare, creando un precedente con implicazioni per altri paesi periferici. Un taglio del debito del settore privato, avrebbe implicazioni negative del mercato per la zona euro, il che suggerisce che la Grecia non è stato un caso unico nel suo genere, dopo tutto è innescato il timore che altri paesi potrebbero seguirla.
Tuttavia, al di là di queste preoccupazioni, non c'è molto del settore privato per ridurre il debito. La quota di debito del settore privato di Cipro a seguito di un programma sarà molto piccola. Inoltre, le obbligazioni previste dal diritto nazionale, che sono i più suscettibili di essere colpite dall' aircut, ammontano solo a € 2.35bn (escluse le obbligazioni emesse per operazioni di ricapitalizzazione delle banche e / o utilizzate come garanzia per i prestiti bancari BCE), che è del 13,3% del PIL e solo il 1,1% del più alto livello del debito stimato nell'ambito di un programma.
Il funzionario del debito del settore per Cipro potrebbe portare a richieste simili in altri paesi periferici e rafforzare l'opposizione politica ai salvataggi dei paesi periferici core della zona euro.
Preoccupazioni che Cipro, e non la Grecia, potrebbe essere il primo paese ad uscire dalla zona euro potrebbe venire alla ribalta. Noi non crediamo che sia nell'interesse di Cipro uscire dalla zona euro, soprattutto a causa delle preoccupazioni geopolitiche e la disputa continua con i territori occupati del Nord di Cipro.
Inoltre, Cipro potrebbe in teoria di default sul suo debito ufficiale e rimanere nella zona euro, visto il suo deficit primario che è molto piccolo. Tuttavia, i mercati potrebbero divenire preoccupati per un'uscita cipriota dopo che si renderanno conto dei rischi per la dinamica del debito paese.
In altre parole, la situazione non preoccupa  ancora, ma è qualcosa da tenere d'occhio, comunque sia l'epilogo.