La mia foto

Dopo tanto lavoro, finalmente posso dedicarmi a quello che da sempre avrei voluto fare. Tuffarmi nel mondo della finanza, dell'economia e del trading. Lo studio è quello che più mi gratifica, dopo che la vita m'aveva portato verso altri lidi. Il mio impegno è costante e grazie ad internet sto cercando di carpire metodi consoni a questa mia nuova attività.

chart

chart

Calendario Economico fornito da Forex Pros - Il Portale di Trading sul Forex.

lunedì 21 gennaio 2013

I problemi di Francia e Regno Unito POTREBBERO DIVENTARE due fattori principali per l'Europa


Negli ultimi due mesi, i problemi dell'Europa sembrano scomparsi dai titoli dei giornali.

Tuttavia, il nuovo governo socialista francese, sta portando avanti con politiche che favoriscono una spesa pubblica nettamente superiore, una maggiore regolamentazione degli affari e del commercio, con tasse sempre più elevate sui super ricchi. Nel lungo termine gli effetti di queste politiche, potrebbero portare ad un ulteriore declino economico e sarà plausibile, se la Francia continuerà ad
essere coinvolta in un conflitto durevole in Africa occidentale a seguito del suo intervento a sorpresa nel Mali la settimana scorsa. Le discussioni finanziarie che certamente accompagnano un impegno strategico di lungo periodo in questa regione, potrebbero finalmente mettere in chiaro una delle più grandi economie europee, incanalata com'è verso un pericoloso sentiero fiscale.
Le pressioni sulla Francia arrivano in un momento di politica interna britannica puntata verso una probabilità crescente che, per la prima volta, il popolo del Regno Unito andrà ad un voto referendario sulla continuità o meno, della loro appartenenza all'Unione europea (UE). La Francia è un partner assieme alla Germania, che forma l'Asse che gestisce palesemente il modo operandi  della UE. Seconda solo alla Germania, il Regno Unito è uno dei principali provider di finanziamento per l'UE. Se uno dei due la Francia affronta un piano di salvataggio economico o l'eventuale decisione britannica di lasciare l'UE, probabilmente tutto comincerà a disintegrarsi. Nonostante il massiccio sostegno della banca centrale, l'euro potrebbe subire una minaccia di crollo e causare il panico in molti mercati.
Questi problemi incomberebbero minacciosamente sulle economie nazionali. Al contrario, gli investitori e i media si concentrano su alcuni segnali di ripresa economica negli Stati Uniti Incoraggiata forse per l'impatto delle politiche senza precedenti della Federal Reserve di allentamento quantitativo, che hanno mantenuto i tassi di interesse vicino a minimi storici, portando i consumatori a spendere senza patemi, negli ultimi mesi . Questo, eventualmente combinato con la propaganda del governo e le ingannevoli statistiche, in particolare per quanto riguarda inflazione e disoccupazione, hanno convinto le aziende a spendere di più. Vendite di automobili e prezzi immobiliari sembrano risalire leggermente. source
Questa apparentemente buona notizia ha presentato i timori di una crisi imminente. Allo stesso tempo e con schemi fantastici come la moneta di platino trillion dollar attirano l'attenzione di più osservatori che stanno percependo le carenze finanziarie intrattabili dell'America di oggi. Queste preoccupazioni controbilanciano le promesse del Presidente della BCE Mario Draghi, atte a creare come valuta euro molto sintetica  necessaria a supportare gli obblighi del debito sovrano di tutti i paesi membri dell'Eurozona. Di conseguenza, l'euro ha messo in scena un notevole rally, ottenendo il 7,5% contro il dollaro nella seconda metà del 2012. Al momento l'euro si sta avvicinando al 10° mese di rialzo.
Temendo svalutazione del dollaro statunitense e dello yen giapponese, l'euro è diventato di fatto una seconda valuta di riserva. Infatti, il fatto che l'euro mostra una tale forza nel 2012, quando il futuro della zona euro e della UE è stata minacciata, suggerisce l'insistenza globale che l'euro sopravviva. Ma la situazione in Francia e nel Regno Unito possono testare questo risoluzione.
Il presidente francese Sarkozy è stato un europeista. Ha diretto la politica francese a sostegno  della fase di blocco delle iniziative tedesche. Tuttavia, il suo successore, il presidente François Hollande, è un ardente socialista. Le sue politiche stanno portando la Francia verso un possibile disastro economico al pari di coloro che devono affrontare il Portogallo, Italia, Grecia e Spagna (PIGS). A sostegno che la Francia era una minaccia potenzialmente mortale per l'Unione europea, lo scrive l'Economist del 17 novembre - 'La bomba a orologeria nel cuore dell'Europa' 23 2012 problema con il titolo, Un impegno a tempo indeterminato per difendere la Francia ex colonie dell'Africa occidentale contro le incursioni islamiche del Sahara potrebbero tracciare la traccia di una veloce crisi fiscale. Considerando che le economie della maggior parte dei PIGS erano abbastanza piccole per essere salvate, la Francia ha la sesta economia più grande del mondo. E 'troppo grande per un piano di salvataggio senza mettere in pericolo le economie di Germania e Regno Unito.
Il Regno Unito è una fonte di finanziamento importante per l'Unione europea, seconda solo alla Germania. Tuttavia, nonostante il fatto che il Regno Unito non è un membro della zona euro, i recenti salvataggi bancari della zona euro hanno riguardato i pagamenti da parte dei cittadini britannici attraverso l'adesione della BCE e del FMI. Naturalmente questo si è dimostrato molto impopolare. Oggi, l'anti-UE è un sentimento piuttosto crescente. Il Regno Unito Independence Party (UKIP) con Nigel Farage suo leader dinamico, ha preso il posto dei liberali, come terza forza politica nel Regno Unito. In effetti, UKIP sembra destinato ad essere il primo partito britannico alle prossime elezioni europee, con una piattaforma che offre il ritiro del Regno Unito dall'Unione europea.
Così, mentre i problemi dell'Europa sembrano essere contenuti, sotto la superficie i problemi sono, ogni giorno, sempre più complessi.