La mia foto

Dopo tanto lavoro, finalmente posso dedicarmi a quello che da sempre avrei voluto fare. Tuffarmi nel mondo della finanza, dell'economia e del trading. Lo studio è quello che più mi gratifica, dopo che la vita m'aveva portato verso altri lidi. Il mio impegno è costante e grazie ad internet sto cercando di carpire metodi consoni a questa mia nuova attività.

chart

chart

Calendario Economico fornito da Forex Pros - Il Portale di Trading sul Forex.

mercoledì 5 dicembre 2012

Ecco i fatti che dimostrano un’Europa in una devastante depressione economica


L'Europa non è solo in un'altra profonda recessione. La verità è che l'Europa si sta dirigendo verso una vera e propria depressione...[  ]...

1. Le economie di 17 dei 27 paesi dell’UE hanno subìto una contrazione per almeno due trimestri consecutivi.

2.  La disoccupazione nella Zona euro ha toccato un nuovo record storico del 11,7 per cento.


3. Il tasso di disoccupazione in Portogallo è al 16,3 per cento (13,7 per cento nel 2011).

4. Il tasso di disoccupazione in Grecia è al 25,4 per cento (18,4 per cento nel 2011).

5. Il tasso di disoccupazione in Spagna ha raggiunto un nuovo record storico del 26,2 per cento. Di quanto può crescere ancora?

6. I livelli di disoccupazione giovanile in Grecia e in Spagna si stanno avvicinando al 60 per cento.

7. Di recente l’agenzia di rating Moody’s ha abbassato il rating AAA della Francia. Mentre i ricchi francesi espatriano, il governo socialista attua piani di aumento delle tasse per i redditi alti.

8. La produzione industriale sta crollando in tutta Europa. La perenne incertezza sul futuro della Zona euro ha congelato gli investimenti e lo sviluppo industriale.
La produzione industriale sta calando del 7% annuo in Spagna e in Grecia, del 4,8% annuo in Italia e del 2,1% ogni anno in Francia.

9. Segnali di problemi giungono anche nelle economie “stabili”. In Germania, gli ordini delle fabbriche a settembre erano diminuiti del 3,3 per cento rispetto al mese precedente. Le vendite al dettaglio nel mese di ottobre sono diminuite del 2,8 per cento rispetto al mese precedente.

10. Si stima che il debito greco raggiungerà il 189 per cento del PIL entro la fine di quest’anno.

11. L’economia greca si è ridotta di oltre il 7 per cento quest’anno e si prevede che si contrarrà di un altro 4,5 per cento nel corso del 2013. source