La mia foto

Dopo tanto lavoro, finalmente posso dedicarmi a quello che da sempre avrei voluto fare. Tuffarmi nel mondo della finanza, dell'economia e del trading. Lo studio è quello che più mi gratifica, dopo che la vita m'aveva portato verso altri lidi. Il mio impegno è costante e grazie ad internet sto cercando di carpire metodi consoni a questa mia nuova attività.

chart

chart

Calendario Economico fornito da Forex Pros - Il Portale di Trading sul Forex.

sabato 20 ottobre 2012

Piazza Affari chiude pesante. -2%...Ftsemib....analisi ichimoku ad 1 anno time frame weekly

Male i bancari, Rcs vola a +11,6%. In fondo al listino Mediaset -5,66%.
Da un lato le prese di beneficio dopo una settimana positiva, dall’altro un po’ di delusione per l’esito del vertice europeo e il cattivo andamento di Wall Street.
Sono questi i fattori che hanno condizionato la seduta di Piazza Affari, spingendo il Ftsemib a chiudere in rotondo e deciso ribasso (-2% a 15.862 punti). Ecco il maggiore Indice di Borsa Italiana visto
in un ottica weekly per un periodo di un'anno intero. Notare come il cross in UP-trend dell'Indice con le m/m Ichimoku sia avvenuto sotto la KUMO con la Chinkou Span sotto l'Indice (segnale debole di UP-trend) come già feci notare in altri post.



VOLA RCS CON OFFERTA PROTO, MEDIASET SCONTA REPORT. Nuovo boom di Rcs (+11,6%) dopo l’offerta di Alessandro Proto alla famiglia Benetton per rilevare a 3 euro le loro azioni e dopo che Giovanni Bazoli ha preannunciato un aumento di capitale. In fondo al listino Mediaset (-5,66%) che sconta il taglio del target price da parte di Mediobanca e Barclays, sui timori per il mercato pubblicitario. Prese di beneficio su Finmeccanica (-5,55%), reduce da diverse sedute in denaro. source
SI RIALLARGA LO SPREAD, SOFFRONO LE BANCHE. La riapertura dello spread tra i titoli di Stato di Italia e Germania, per la prima volta in cinque giorni, pesa sulle banche, con Unicredit che ha perso il 3,33% e Intesa Sanpaolo, nel giorno dell’accordo con i sindacati che conferma 1.300 apprendisti, il 3,19%. In linea con l’andamento del listino le Generali (-2,16%) che ha annunciato il completamento della riorganizzazione dal nuovo ceo, Mario Greco.
MALE STM, A2A E FIAT, BENE CAMPARI E SAIPEM. Tra i titoli peggiori del listino ci sono Diasorin (-4,13%), A2A (-3,76%) e Stm (-3,76%), oggetto dei timori di Bofa Merrill Lynch sui ricavi e i margini del quarto trimestre e del taglio del target price del Santander. Tra i pochi segni più quello di Campari (+1,43%) e Buzzi Unicem (+0,68%), limita le perdite Saipem (-0,28%), grazie a una maxi-commessa da 1,1 miliardi, mentre Atlantia, che ha preannunciato 1,5 miliardi di bond destinati ai risparmiatori, ha ceduto l’1,2%.