La mia foto

Dopo tanto lavoro, finalmente posso dedicarmi a quello che da sempre avrei voluto fare. Tuffarmi nel mondo della finanza, dell'economia e del trading. Lo studio è quello che più mi gratifica, dopo che la vita m'aveva portato verso altri lidi. Il mio impegno è costante e grazie ad internet sto cercando di carpire metodi consoni a questa mia nuova attività.

chart

chart

Calendario Economico fornito da Forex Pros - Il Portale di Trading sul Forex.

martedì 11 settembre 2012

Si aggrava la recessione in Italia


Le ultime stime dell'Istat sul prodotto interno lordo (Pil) per l'anno in corso parlano di una caduta del 2,6%

Peggio di quanto misurato soltanto un mese fa.

La stima preliminare diffusa il 7 agosto 2012 scorso aveva misurato una
diminuzione congiunturale dello 0,7% e una diminuzione tendenziale del 2,5%.
Il secondo trimestre del 2012 ha avuto due giornate lavorative in meno del trimestre precedente e una giornata lavorativa in meno rispetto al secondo trimestre del 2011.
La variazione acquisita per il 2012 è già ora pari a -2,1%.
Rispetto al trimestre precedente, i principali aggregati della domanda interna sono diminuiti in misura significativa, con cali dello 0,7% dei consumi finali nazionali e del 2,3% degli investimenti fissi lordi. Le importazioni hanno subito una flessione dello 0,4% e le esportazioni sono aumentate dello 0,2% (a dimostrazione che la dinamica dei consumi interni è in caduta accelerata, mentre ancora reggono le esportazioni).
La domanda nazionale al netto delle scorte ha sottratto un punto percentuale alla crescita del PIL (-0,6 i consumi delle famiglie e -0,4 gli investimenti fissi lordi), mentre il contributo della domanda estera netta è stato positivo per 0,2 punti percentuali.
Tutti e tre i grandi comparti di attività economica registrano una diminuzione congiunturale del valore aggiunto: -1,9% per l'agricoltura, -1,6% per l'industria e -0,5% per i servizi. In termini tendenziali, il valore aggiunto è aumentato dello 0,9% nell'agricoltura, mentre è diminuito del 6,0% nell'industria in senso stretto, del 6,5% nelle costruzioni e dell'1,1% nel complesso dei servizi. source

Il documento dell'Istat:
pdfConti_economici_trimestrali_-_10_set_2012_-_Testo_integrale.pdf