La mia foto

Dopo tanto lavoro, finalmente posso dedicarmi a quello che da sempre avrei voluto fare. Tuffarmi nel mondo della finanza, dell'economia e del trading. Lo studio è quello che più mi gratifica, dopo che la vita m'aveva portato verso altri lidi. Il mio impegno è costante e grazie ad internet sto cercando di carpire metodi consoni a questa mia nuova attività.

chart

chart

Calendario Economico fornito da Forex Pros - Il Portale di Trading sul Forex.

martedì 18 settembre 2012

Mercati euforici dopo gli annunci....allora tutto a posto...o forse no!


In un post precedente scrissi che l'iniezione di fiducia anti speculazione da parte delle Banche Centrali, aiuterà temporaneamente gli operatori finanziari a vedere un barlume di sereno.
Ma nel marasma dell'architettura di questa ingegneria finanziaria, i conti bisogna farli fino in fondo (prova del 9 compresa).

Mi spiego meglio!


Da due recenti sondaggi in Francia ed in Germania è risultato che il disinteresse verso la moneta unica dei cittadini di quei paesi, è ad un livello preoccupante.
Checché ne dicano i governanti, sempre meno tedeschi e sempre meno francesi credono nella convenienza di stare nell'euro.

Dell'ormai proverbiale scetticismo tedesco, verso una coesione politica dell'eurozona, non ci son dubbi, tant'è che la Bundesbank, a causa di cancellazioni di crediti miliardari ad essa attribuiti, sarebbe (il condizionale è d'obbligo) da tempo ben preparata per un futuro euro-crash.

Dai transalpini invece l'emotività di una situazione sempre più degradata percepita dentro e fuori quel paese, portano l'opinione pubblica francese ad esprimersi in maniera contrastata, nel senso che, in riferimento ai recenti sondaggi il 64% dei francesi voterebbe contro il trattato di Maastricht, ma allo stesso tempo il 65% dei cittadini d'oltralpe è contrario al ritorno al franco.

A questo punto, vista la situazione attuale, le possibilità di una stabilizzazione dell'eurozona sono piuttosto scarse, demandando così ai posteri una futura soluzione, di un “risiko” più che mai  ingarbugliato.