La mia foto

Dopo tanto lavoro, finalmente posso dedicarmi a quello che da sempre avrei voluto fare. Tuffarmi nel mondo della finanza, dell'economia e del trading. Lo studio è quello che più mi gratifica, dopo che la vita m'aveva portato verso altri lidi. Il mio impegno è costante e grazie ad internet sto cercando di carpire metodi consoni a questa mia nuova attività.

chart

chart

Calendario Economico fornito da Forex Pros - Il Portale di Trading sul Forex.

giovedì 2 agosto 2012

Spiare i conti correnti non risolverà la crisi. Si rischia di limitare la libertà economica

Come è noto, dal prossimo 31 ottobre le banche italiane dovranno obbligatoriamente inviare gli estratti conto dei propri clienti all'Agenzia delle Entrate.

Lo scopo dichiarato dai cervelloni che hanno elaborato questa illiberale norma è quello di evidenziare eventuali incongruenze tra i redditi
dichiarati e le spese effettuate. In questo modo, si ritiene, sarà più facile scovare i contribuenti infedeli. In sostanza si tratta di un ulteriore passo verso il perfezionamento di quel Grande Fratello fiscale con cui la pubblica amministrazione vorrebbe seguire passo passo l'esistenza economica e finanziaria di ogni cittadino. Non bastava, infatti, il divieto di scambiare beni e servizi sopra la soglia dei mille euro; ora si vuole controllare ogni movimento bancario di chi ha, a questo punto, la sfortuna di possedere un conto corrente. (continua) Tuttavia, osservando l'andamento dei mercati finanziari, questo ennesimo disincentivo alla libera circolazione delle merci e dei capitali giunge in un momento opportuno? Io direi proprio di no, soprattutto quando il nostro intero sistema sta soffrendo una grave crisi di liquidità, con la fuga in massa degli investitori interni ed esteri dai titoli italiani e da ogni forma di iniziativa che si svolga all'interno di un Paese affetto da un eccesso di tassazione e di regolamentazione.
Dato che non sembra alle viste per l'Italia una catastrofica uscita dall'euro, l'impossibilità del nostra banchetta centrale di stampare nuove banconote ci costringe a contare su una circolazione monetaria costante. Quest'ultima, poi, trova nella raccolta di risorse esercitata dal sistema bancario il suo pilastro fondamentale. Ebbene, tutto si regge grazie ad una parolina magica: fiducia. Ossia la percezione di relativa sicurezza e affidabilità che il Paese e le sue banche offrono all'esterno.
Ed è proprio per questo che, in un tale condizione di instabilità finanziaria, appaiono totalmente controproducenti i provvedimenti, come quello in oggetto, tesi a restringere ancor più la libertà economica e finanziaria dei singoli. Principalmente perchè essi tendono ad abbattere ulteriormente il tasso di fiducia nei confronti di un Paese il quale, non pago di un controllo pubblico delle risorse che ha raggiunto livelli da socialismo reale, pretende di irreggimentare qualunque nostro movimento di danaro. Non ci siamo cari professori al potere. Non sembra questa la strada per ritrovare la voglia di investire in Italia. source