La mia foto

Dopo tanto lavoro, finalmente posso dedicarmi a quello che da sempre avrei voluto fare. Tuffarmi nel mondo della finanza, dell'economia e del trading. Lo studio è quello che più mi gratifica, dopo che la vita m'aveva portato verso altri lidi. Il mio impegno è costante e grazie ad internet sto cercando di carpire metodi consoni a questa mia nuova attività.

chart

chart

Calendario Economico fornito da Forex Pros - Il Portale di Trading sul Forex.

sabato 14 luglio 2012

Conviene ancora comprare i titoli di Stato?

Vale la pena investire ancora nel debito pubblico? 


Il rapporto tra rischio e rendimento dei Btp è ancora interessante, e il Corriere della Sera, in uno speciale a firma di Giuditta Marvelli, ci spiega cosa fare: La pattuglia dei Btp....

La pattuglia dei Btp con cedola mini—se così la vogliamo chiamare— è per la metà formata da titoli collegati all’inflazione. Per la precisione 12 sui 27 censiti sono inflation linked. Due sono Btp Italia, le nuove emissioni del Tesoro agganciate al costo della vita italiano, mentre le altre dieci sono collegate al costo della vita europeo, che è inferiore di qualche misura a quello tricolore (2,4%).


Rendimenti reali interessanti anche per i Btp Italia, il primo scade nel marzo del 2016, il secondo, collocato all’inizio del giugno scorso, arriva invece fino all’estate del 2016:

    Tutti e due offrono un premio a scadenza (sempre lordo) superiore al 3%. Se ci si sposta verso traguardimolto più lontani nel tempo con i Btp agganciati all’inflazione che «muoiono» nel 2026 o addirittura nel 2041 troviamo prezzi che oscillano tra 78 e 62, cedole che ballano tra il 2,5 e il 3,1, e rendimenti a scadenza (sempre senza considerare l’inflazione) di poco superiori al 5%.

Poi ci sono le altre strategie:

    La squadra dei titoli con la cedola sopra il 4% lordo—la più numerosa perché rappresenta il 60% circa delle 66 emissioni complessivamente schierate dal Tesoro italiano — è quella che miete tifosi tra gli investitori che sono disposti a pagare un prezzo elevato per portare a casa un flusso cedolaremolto consistente durante la vita dell’investimento. Una strategia che va ponderata con attenzione perché — va detto — se non si reinvestono le cedole, si arriva alla fine del viaggio con un capitale che quasi certamente sarà dimagrito rispetto alle dimensioni iniziali per il logorio imposto dall’inflazione. source