La mia foto

Dopo tanto lavoro, finalmente posso dedicarmi a quello che da sempre avrei voluto fare. Tuffarmi nel mondo della finanza, dell'economia e del trading. Lo studio è quello che più mi gratifica, dopo che la vita m'aveva portato verso altri lidi. Il mio impegno è costante e grazie ad internet sto cercando di carpire metodi consoni a questa mia nuova attività.

chart

chart

Calendario Economico fornito da Forex Pros - Il Portale di Trading sul Forex.

mercoledì 27 giugno 2012

Financial Times...la UE potrebbe riscrivere Finanziarie Paesi meno virtuosi


- Il Financial Times anticipa la bozza che dovrebbe essere sul tavolo del vertice Ue del 28 e 29 giugno.
Il documento, di sole 7 pagine, messo a punto dal presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy, dal presidente della Commissione Europea Jose’ Manuel Barroso, dal presidente della Bce Mario Draghi e dal presidente dell’Eurogruppo Jean-Claude Juncker, prevede la possibilità che l’Europa possa riscrivere le manovre finanziarie per i Paesi che in futuro violeranno le regole su deficit e debito pubblico....

“Limiti ai saldi di bilancio e ai livelli di debito dei governi potrebbero essere decisi in comune – si legge nel documento -. L’emissione di debito governativo oltre questi livelli dovrebbero essere giustificati e ricevere una previa approvazione. In questo contesto, la zona euro potrebbe chiedere cambiamenti alle poste dei bilanci nazionali se queste sono in violazione delle stesse regole di bilancio, tenendo comunque in considerazione la necessità di salvaguardare l’equità sociale”.

Il documento apre anche alla possibilità di adottare gli Eurobond: “In una prospettiva di medio termine, l’emissione di debito comune potrebbe essere esplorata come un elemento” di un’unione di bilancio piu’ stretta e “soggetta ad una progressiva integrazione. Il processo verso l’emissione di debito comune dovrebbe essere graduale ed a fasi, mentre i progressi verso la messa in comune di decisioni sul bilancio dovrebbero essere accompagnati da passi commensurati alla messa in comune dei rischi”. source