La mia foto

Dopo tanto lavoro, finalmente posso dedicarmi a quello che da sempre avrei voluto fare. Tuffarmi nel mondo della finanza, dell'economia e del trading. Lo studio è quello che più mi gratifica, dopo che la vita m'aveva portato verso altri lidi. Il mio impegno è costante e grazie ad internet sto cercando di carpire metodi consoni a questa mia nuova attività.

chart

chart

Calendario Economico fornito da Forex Pros - Il Portale di Trading sul Forex.

sabato 5 maggio 2012

Prestiti della Bce, banche obbligate a rivelare i profitti?

Le banche dovranno rendere noti i profitti tratti dal carry trading derivante dai prestiti ricevuti dalla BCE, ed escludere tale denaro dalla somma che viene presa in considerazione per calcolare le remunerazioni e i bonus dei dirigenti.

È quanto afferma la bozza di una norma che è ora al vaglio delle autorità dell'Unione europea, e che è stata ottenuta in anteprima dall'agenzia Bloomberg....
Ancora al centro dell'attenzione, dunque, è la LTRO (long term refinancing operation), vale a dire l'operazione con cui la Banca centrale europea, alle prese con la crisi debitoria del Vecchio Continente, ha sbloccato due tranches di prestiti triennali alle banche ad un tasso d'interesse dell'1%.
Prestiti che, complessivamente, hanno raggiunto il volume di circa mille miliardi di euro. 
Fondamentalmente, i regolatori europei vogliono che sia chiaro se, e in che misura, tali capitali siano stati utilizzati per il carry trading. 
Vale a dire per quelle operazioni speculative con cui si prende a prestito denaro ad un tasso d'interesse basso per acquistare titoli a rendimento più alto. 
Inoltre, mirano a evitare che questi profitti siano sfruttati per “gonfiare” le remunerazioni per i top manager.
La misura in questione è uno dei tanti emendamenti che sono stati proposti alla legislazione sui requisiti di capitale e di liquidità per gli istituti di credito dell'Unione.
E, fra le altre cose, propone anche di conferire all'European Banking Authority maggiori poteri: incluso quello di condurre ispezioni a sorpresa nelle filiali.
Per ora i legislatori interpellati dall'agenzia Bloomberg non hanno rilasciato dichiarazioni in merito. source