La mia foto

Dopo tanto lavoro, finalmente posso dedicarmi a quello che da sempre avrei voluto fare. Tuffarmi nel mondo della finanza, dell'economia e del trading. Lo studio è quello che più mi gratifica, dopo che la vita m'aveva portato verso altri lidi. Il mio impegno è costante e grazie ad internet sto cercando di carpire metodi consoni a questa mia nuova attività.

chart

chart

Calendario Economico fornito da Forex Pros - Il Portale di Trading sul Forex.

lunedì 14 maggio 2012

Il settimanale economico piu' letto in Germania, mette in guardia i tedeschi.

L'INFLAZIONE E' FRA NOI!

Dopo la timida apertura della Bundesbank verso un'inflazione un po' piu' alta della media europa, la stampa conservatrice riparte con i suoi mantra antiinflazione. Dopo Bild.de, questa volta è WirtschaftsWoche, il settimanale economico piu' letto, a mettere in guardia i tedeschi....

Malte Fischer - La Bundesbank e il governo federale preparano i tedeschi a un'inflazione piu' alta, per poter salvare l'Euro. Ma in questo modo agiscono contro gli interessi dei cittadini. E' giunto il momento di porre fine all'avventura fallita dell'Euro.

E' già passato un po' di tempo da quando la crisi del debito sembrava aver coinvolto solo i paesi del Sud Europa. Mentre le economie di Grecia, Portogallo e Italia sono in difficoltà e la disoccupazione dilaga, la Germania festeggia un record di export dopo l'altro. I lavoratori qui da noi possono perfino scegliersi il lavoro che preferiscono.

Ma ora gli effetti della crisi si avvicinano. "Allarme inflazione! La Bundesbank indebolisce l'Euro" titola la Bild. E la FAZ avverte: la Bundesbank si aspetta un'inflazione superiore alla media.

Che cosa è successo? Nel corso di un'audizione della commissione finanze del Bundestag sulla crisi Euro, la Bundesbank ha chiarito che in relazione al processo di adeguamento all'interno dell'unione monetaria, in futuro la Germania avrà un tasso di inflazione superiore alla media. E' importante che "l'inflazione aggregata della zona Euro corrisponda all'obiettivo di stabilità e che le aspettative di inflazione restino invariate".

Dietro di ciò c'è la considerazione, che la competitività di prezzo dell'area Euro si è sviluppata in maniera molto diversa fra i diversi paesi. Mentre nei paesi del sud, alimentati dai bassi tassi di interesse, si festeggiavano dei divertenti party, e il costo del lavoro saliva, la Germania grazie all'Agenda 2010 con una lunga stagione di moderazione salariale ha reso piu' efficiente la propria economia e migliorato la propria competitività di prezzo.

Ma ora le differenze economiche minacciano di lacerare l'unione monetaria. Per salvare l'Euro, secondo le ipotesi del governo e della Bundesbank, la competitività dei singoli paesi deve tornare su livelli simili. In concreto significa: i paesi in crisi devono moderare i loro salari, ridurre il costo del lavoro, rallentando così l'inflazione.

Affinché non sia solo il sud a dover sopportare il costo dell'aggiustamento, i salari, il costo del lavoro per unità di prodotto e i prezzi al consumo devono crescere piu' rapidamente di quanto non sia accaduto fino ad ora. La Germania, secondo questa ipotesi, deve, per il bene della causa europea, rinunciare a una parte della propria competitività di prezzo.

La forza trainante di questo processo di aggiustamento è la politica monetaria della BCE. Questa con un tasso dell'1% e una disponibilità illimitata di liquidità è finalizzata a evitare il collasso delle finanze statali nei paesi in crisi e a tenere in vita in maniera artificiale le banche zombie. Per la Germania la politica della BCE è troppo espansiva.

I bassi tassi di interesse stanno alimentando un boom economico, spingono i salari verso l'alto e lasciano crescere l'inflazione. Questo processo per ora è solo all'inizio. In aprile il tasso di inflazione è stato del 2.1 %. Sicuramente l'inflazione arriverà fra un po' e lo farà di corsa, quando le imprese trasferiranno gli aumenti salariali appena firmati nei prezzi dei loro prodotti.

Questo processo di adeguamento è la conseguenza di un progetto di unione monetaria pasticciato e incapace di sopravvivere - ed è un tradimento degli interessi della Germania. I cittadini tedeschi hanno da sempre una giustificata preferenza per i prezzi stabili e per finanze statali sane. E non vogliono nessuna inflazione.

Ma che cosa pretendono i banchieri centrali e i governi dai cittadini? Prestiti miliardari ai paesi in crisi, di cui non rivedremo un centesimo, garanzie per i debiti, che se fossero utilizzate porterebbero alla bancarotta dello stato, e ora pretendono anche piu' inflazione?

Il governo federale e la Bundesbank che stanno preparando il terreno per l'inflazione, non si dovranno poi meravigliare quando questa sfuggirà di controllo.  Una volta che le aspettative di inflazione si sono consolidate presso i cittadini, i sindacati e le imprese, la banca centrale non riuscirà piu' a tenerle sotto controllo. E questo è vero, quando la banca centrale - come fa ora la BCE - fa partire la stampante di denaro.

L'inflazione è "l'arma piu' terribile" (Ludwig von Mises), di cui dispongono il governo e la sua banca centrale. Riduce i debiti dello stato spendaccione a spese dei propri cittadini. Erode i risparmi dei cittadini, priva i lavoratori dei frutti del proprio lavoro, e prepara il terreno per gli esteremismi politici. Non c'è da stupirsi che il premio Nobel per l'economia Friederich August von Hayek ha definito la gestione del denaro da parte dello stato come "una storia di incessanti menzogne e truffe". Ma ora proprio la Bundesbank e il governo federale confermano quanto il grande economista austriaco sosteneva; è un segno inequivocabile del fatto che è arrivato il momento di uscire dall'Euro e pensare ad un nuovo sistema monetario, diverso dalla moneta cartacea dello stato. source