La mia foto

Dopo tanto lavoro, finalmente posso dedicarmi a quello che da sempre avrei voluto fare. Tuffarmi nel mondo della finanza, dell'economia e del trading. Lo studio è quello che più mi gratifica, dopo che la vita m'aveva portato verso altri lidi. Il mio impegno è costante e grazie ad internet sto cercando di carpire metodi consoni a questa mia nuova attività.

chart

chart

Calendario Economico fornito da Forex Pros - Il Portale di Trading sul Forex.

sabato 5 maggio 2012

Germania...mercato del lavoro fermo....partiti i LICENZIAMENTI di massa

Lo Schadenfreude, un sentimento molto umano, ovvero "il piacere provocato dalla sfortuna dell'altro", che tanto si è visto all'opera nella crisi europea, questa volta va nella direzione opposta. Bild.de, il quotidiano popolare piu' venduto, ci dice che il mercato del lavoro si sta fermando e che sono partiti i licenziamenti di massa....
Licenziamenti di massa  alla Lufthansa (3.500 tagli), Schlecker (10.000 posti), Neckermann (1.380 posti), Solar First (1.200 posti), Mueller Brot (600 lavoratori): anche il gigante del commercio al dettaglio Metro oggi ha annunciato una significativa riduzione dei dipendenti.

"Dovremmo sicuramente tagliare dei posti di lavoro", ha detto il CEO Olaf Koch. Numeri concreti non ne ha voluti fare, ha annunciato però che il processo sarà doloroso. Metro punta a 100 milioni di Euro di risparmio. Lufthansa, la piu' grande compagnia aerea, ha reso noto oggi che 3.500 posti saranno tagliati nella parte amministrativa.

Situazione della Lufthansa: la pressione delle linee a basso costo, la concorrenza della penisola arabica e gli alti prezzi del carburante obbligano la Lufthansa ad un risparmio obbligato: la piu' grande compagnia aerea ha deciso di cancellare 3.500 posti nell'amministrazione. Nel primo trimestre del 2012 l'azienda ha registrato perdite operative per 381 milioni di Euro.

Che cosa succede nel paese del Jobwunder?

Per l'azienda è sempre piu' difficile combattere contro la concorrenza. Così Lufthansa è impegnata ormai da anni nella battaglia con le compagnie low cost. In Europa Ryanair e Easyjet mettono Lufthansa sotto pressione. Nei trasporti intercontinentali è forte la concorrenza delle compagnie statali della penisola arabica che premono con qualità elevata e bassi costi.

Lo stesso quadro emerge dal gigante del commercio Metro.

Soprattutto nelle catene di elettronica Media Markt e Saturn l'azienda ha dovuto alla fine  abbassare i prezzi, per poter tenere testa alla concorrenza su Internet. Solo nel primo trimestre questo è costato 50 milioni di Euro. L'azienda ha investito ulteriori 23 milioni in azioni sul prezzo presso i propri rivenditori.

Il miracolo economico è finito?
Secondo un sondaggio, gli affari delle aziende tedesche in aprile sono andati male come non accadeva da quasi 3 anni.

L'indice dei responsabili degli acquisti è sceso di 2.2 punti a 46.2 punti, ha comunicato l'Istituto Markit. E' il dato peggiore dal luglio 2009. In questo modo il barometro si è allontanato dal valore di 50, che segnala la crescita: "L'abbassamento continuato della domanda ha portato le aziende a tagli di produzione" dichiare Tim Moore, economista di Markit.

Le imprese hanno perciò ridotto il numero dei posti di lavoro per la prima volta dal marzo 2010.

Prospettive incerte

Gli esperti parlano sottovoce. Si evita di fare delle previsioni sullo sviluppo nel mercato del lavoro. Soprattutto dopo la pubblicazione dei dati sulla disoccupazione in aprile.

Nell'ultimo mese il numero dei disoccupati è sceso di 65.000 unità raggiungendo i 2.963 milioni. "E' una sorpresa negativa. Il tasso di disoccupazione destagionalizzato è salito", ci dice Heinrich Bayer di Postbank. "La debolezza economica comincia a lasciare il segno".

Gli osservatori parlano di "un fulmine sul mercato del lavoro tedesco". Che cosa significa questo?

Diversamente dall'anno precedente - secondo le valutazioni di alcune grandi banche interpellate in un sondaggio - il mercato del lavoro non ha mostrato nessun miglioramento congiunturale. La ripresa primaverile quest'anno è piuttosto debole. A confronto: gli anni scorsi la disoccupazione di aprile era diminuita ad una velocità doppia rispetto a quanto accaduto quest'anno.

Gli esperti non sono meravigliati da questo sviluppo. Gli economisti delle banche avevano già previsto, dopo il rallentamento economico di fine 2011, che prima dell'estate 2012 ci sarebbe stata una flessione anche nel mercato del lavoro. Motivo: la flessioni economiche si riflettono sul mercato del lavoro con qualche mese di ritardo.

"Molte aziende si muovono al momento con moderazione.
Sui nuovi posti di lavoro ci si  muove a vista" ci dice  il capo economista di Commerzbank Eckart Tuchtfeld. "Adesso ci troviamo in una fase di stagnazione. Questa non è una tendenza al ribasso.
La debole congiuntura invernale ha lasciato tracce nel mercato del lavoro. Anche se l'economia dovesse tornare a crescere, la disoccupazione potrebbe rimanere stabile nei prossimi mesi", sostiene l'analista di Postbank. source