La mia foto

Dopo tanto lavoro, finalmente posso dedicarmi a quello che da sempre avrei voluto fare. Tuffarmi nel mondo della finanza, dell'economia e del trading. Lo studio è quello che più mi gratifica, dopo che la vita m'aveva portato verso altri lidi. Il mio impegno è costante e grazie ad internet sto cercando di carpire metodi consoni a questa mia nuova attività.

chart

chart

Calendario Economico fornito da Forex Pros - Il Portale di Trading sul Forex.

martedì 8 maggio 2012

Evasione fiscale, come l'azione globale di contrasto ha fallito

Negli ultimi anni si è assistito a un impegno senza precedenti, da parte dei principali leader politici di tutto il mondo, per la lotta all'evasione fiscale internazionale. Ma questi sforzi, di fatto, sarebbero stati vani.... 

Lo dimostra uno studio, citato dal Guardian, che si basa sui dati della Banca dei regolamenti internazionali (BIS). Questi ultimi dimostrano infatti che, nell'anno appena trascorso, circa 2.700 miliardi di dollari erano celati nei conti bancari offshore. Una somma sostanzialmente equivalente a quella del 2007. Secondo gli accademici Niels Johannesen e Gabriel Zucman, che hanno condotto la ricerca, ciò significa che i numerosi trattati internazionali non sono riusciti pienamente nel proprio intento. Per la stragrande maggioranza, infatti, si tratta di trattati bilaterali. Il che significa che gli evasori – magari tramite complesse strutture societarie – hanno “spostato” i propri capitali da un paradiso fiscale all'altro. Prediligendo gli Stati che ne hanno siglati in misura minore: come Cipro, in cui il volume dei depositi ha segnato un +60%. In sintesi, i governi non sono ancora riusciti a obbligare gli evasori a far tornare i propri asset negli Stati di pertinenza.
Questi dati segnano un netto contrasto con l'ottimismo che traspariva dalle conclusioni ufficiali raggiunte dal G20. Solo lo scorso novembre, infatti, il segretario generale dell'OCSE Angel Gurria aveva dichiarato conclusa l'era del segreto bancario. Pur riconoscendo che ci fosse ancora da lavorare in alcune zone, aveva insistito: «Ora non è più possibile celare asset o redditi senza rischiare di essere scoperti». Di fronte a questa ricerca, mentre l'OCSE invita alla prudenza, i rappresentanti delle campagne contro l'evasione fiscale alzano la voce. Rivendicando la sostanziale inefficacia dei trattati bilaterali e la necessità di misure più radicali. source