La mia foto

Dopo tanto lavoro, finalmente posso dedicarmi a quello che da sempre avrei voluto fare. Tuffarmi nel mondo della finanza, dell'economia e del trading. Lo studio è quello che più mi gratifica, dopo che la vita m'aveva portato verso altri lidi. Il mio impegno è costante e grazie ad internet sto cercando di carpire metodi consoni a questa mia nuova attività.

chart

chart

Calendario Economico fornito da Forex Pros - Il Portale di Trading sul Forex.

martedì 15 maggio 2012

Dal crollo della produzione industriale all’aumento dell’inflazione. Le cifre del disastro Monti

L’Italia si salverà? Gli italiani possono esultare per il calo dello spread?
I numeri e le statistiche dicono che gli effetti della manovra salva-Italia del governo Monti si stanno rivelando a dir poco disastrosi per l’economia reale..

Vero, da un mese e mezzo lo spread è calato e pare in fase discendente, almeno per il momento. Forse il clima mutato, l’improvvisa assenza dei contestatori di piazza ad oltranza, la fine della politica del tutti contro tutti, dell’odio e dell’antiberlusconismo senza se e senza ma sta giovando alla coesione di un governo di conseguenza ritenuto più affidabile e “forte” dai mercati. Gli organi di informazione dovrebbero anche evitare di omettere che l’attuale calo dello spread è determinato in primis da un sensibile rialzo dei tassi di rendimento sui bund tedeschi, mentre i rendimenti sui titoli decennali italiani in queste ultime settimane sono in lieve calo se non stabili, e restano comunque alti (intorno al 5%, attualmente al 4,83% i titoli decennali).
Dalla stampa italiana e da gran parte dei tg non si può pretendere granché, ma al di là dello spread i numeri che dovrebbero preoccupare sono altri.
Lo scorso 28 gennaio proprio qui su Qelsi abbiamo pubblicato dati piuttosto allarmanti sul danno alle casse statali causato dall’aumento dei prezzi di benzina e gasolio: un crollo dei consumi che ha determinato un netto calo delle entrate, ossia proprio il contrario di ciò che sarebbe l’obiettivo dell’esecutivo dei tecnici, intenti a cercare soldi a destra e manca per riempire le casse statali.
Ma c’è di peggio.
I dati sull’economia reale, molto più importante della finanza di carta per determinare lo stato di salute di un Paese e di chi lo abita, a partire dall’inizio del 2012 sono tutti negativi. Gli impatti del governo Monti, in carica da novembre 2011, e della manovra salva-italia, licenziata dal parlamento a dicembre, non sono stati dei migliori.
Ecco i veri risultati della politica “sviluppo-salva-italia” del governo Monti:

- Immatricolazioni Automobili (Gen-Feb. 2012 – a/a): -17,8% (UNRAE)

- Movimenti aerei passeg. e cargo (Gen. 2012 – a/a): -6,5% (ASSOAEROPORTI)

- Richieste Mutui (Gen. 2012 – a/a): -44,0% (EURISC)

- Inflazione (Feb. 2012 – a/a): +3,3% (ISTAT)

- Prezzi alla produzione dei prodotti industriali (Gen. 2012 – a/a): +3,3% (ISTAT)

- Prezzi beni energetici (Feb. 2012 – a/a): +15,6% (ISTAT)

- Consumi petroliferi (Gen-Feb. 2012 – a/a): -8,3% (Destag. -10,0%) (M.SV.EC.)

- Consumi gas (Gen. 2012 – a/a): -4,3% (MIN. SVIL. ECON.)

- Consumi En. Elettrica (Gen-Feb. 2012 – a/a): -0,2% (Destag. -2,0%) (TERNA)

- Produzione Industriale (Gen. 2012 – a/a): -2,1% (Destag. -5,0%) (ISTAT)

- Fatturato industriale (Gen. 2012 – a/a): -1,4% (Destag. -4,4%) (ISTAT)

- Ordinativi dell’industria (Gen. 2012 – a/a): -5,6% (ISTAT)

I dati si riferiscono tutti al rapporto anno su anno (a/a), ossia il raffronto tra il periodo analizzato nel 2012 (generalmente gennaio, oppure il bimestre gennaio-febbraio) e il medesimo periodo dell’anno precedente.
Tra parentesi è citata la fonte (Istat, Terna, Ministero dello Sviluppo Economico, Assoaeroporti, Eurisc e Unrae, fonti attendibili e verificabili).  ”Destag” invece sta per “destagionalizzato”, dal verbo “destagionalizzare” che in statistica significa “Non tenere conto, nell’analisi del mercato o di fenomeni di lungo periodo, dei dati evidentemente condizionati dall’influenza economica di un preciso periodo dell’anno”.
In sintesi: crolli di immatricolazioni auto, movimenti dei passeggeri su aerei e cargo, richieste mutui (tracollo clamoroso, -44%), consumi petroliferi, consumi di gas ed energia elettrica, produzione e fatturato industriale e ordinativi dell’industria; aumenti dell’ inflazione e dei prezzi dei prodotti industriali e dei beni energetici.
Si possono aggiungere anche altri dati:

-L’aumento delle ore di cassa integrazione (Feb. 2012 – a/a) + 16,8% (UIL)

-L’aumento della pressione fiscale, prevista al 45,2% nel 2012 dalla manovra Monti, mentre era al 42,7% nel 2011.

Infine, il calo del potere d’acquisto: le retribuzioni orarie contrattuali da dicembre 2011 a dicembre 2012 sono aumentare solo del dell’1,4% (fonte ISTAT), mentre i prezzi dei beni di prima necessità e acquistati con più frequenza sono saliti del 4,5% (fonte sempre ISTAT). C’è una differenza del 3%.

Insomma, forse l’Italia guidata da Monti-Napolitano-Merkel, dall’Ue e dai potentati finanziari, si salverà. Ma gli italiani?

Tratto da: Dal crollo della produzione industriale all’aumento dell’inflazione. Le cifre del disastro Monti | Informare per Resistere http://www.informarexresistere.fr/2012/05/15/dal-crollo-della-produzione-industriale-allaumento-dellinflazione-le-cifre-del-disastro-monti/#ixzz1uvj1xACH
- Nel tempo dell'inganno universale, dire la verità è un atto rivoluzionario! source