La mia foto

Dopo tanto lavoro, finalmente posso dedicarmi a quello che da sempre avrei voluto fare. Tuffarmi nel mondo della finanza, dell'economia e del trading. Lo studio è quello che più mi gratifica, dopo che la vita m'aveva portato verso altri lidi. Il mio impegno è costante e grazie ad internet sto cercando di carpire metodi consoni a questa mia nuova attività.

chart

chart

Calendario Economico fornito da Forex Pros - Il Portale di Trading sul Forex.

martedì 3 aprile 2012

Quale paese sarà la nuova Grecia?

Tensione sui listini Europei con i ribassi che si sono fatti sentire da più di una settimana a questa parte, come sempre si prova a dare una motivazione a quello che sta succedendo, fondamentalmente la lente sembra puntata su Spagna e Portogallo, anche se a mio avviso l'Italia è tutt'altro che fuori dalla lente.

Se invece andiamo a vedere la situazione dalla parte dell'analisi tecnica possiamo subito notare che il nostro indice sta ritracciando verso zona 15.000 punti, tutto bene per adesso basta non perdere il trend positivo che dura da inizio 2012....
Quindi ci chiediamo, quale sarà la nuova Grecia?
Portogallo e Spagna sono sicuramente a rischio, andiamo a vedere il rendimento dei titoli di stato decennali dei due paesi della penisola Iberica:



Fonte Borsa&Finanza 31/03/2012



Ma l'Italia è veramente fuori pericolo?



Se andiamo ad analizzare il grafico del FTSE MIB con time-frame daily



Possiamo subito notare la tendenza negativa di lungo periodo tracciata in nero che è andata a toccare proprio zona 17.000 punti, la tendenza di breve tracciata in blu che si posiziona in zona 16.000 punti circa (dove siamo adesso) e che potrebbe riportare il mercato a testare di nuovo i sedicimila punti. Se il mercato dovesse ancora subire ribassi è probabile una discesa fino sotto i 15.000 punti (tendenza positiva tracciata in verde).

La discesa ha comportato una chiusura di molti titoli in portafoglio e gli spunti operativi consigliati per ora non hanno dato buoni frutti, perché il mercato non ha reagito come ci aspettavamo, basti vedere le performance di Fiat ed Unicredit acquistate il 23 marzo. source