La mia foto

Dopo tanto lavoro, finalmente posso dedicarmi a quello che da sempre avrei voluto fare. Tuffarmi nel mondo della finanza, dell'economia e del trading. Lo studio è quello che più mi gratifica, dopo che la vita m'aveva portato verso altri lidi. Il mio impegno è costante e grazie ad internet sto cercando di carpire metodi consoni a questa mia nuova attività.

chart

chart

Calendario Economico fornito da Forex Pros - Il Portale di Trading sul Forex.

martedì 10 aprile 2012

Profondo ROSSO


Profondo rosso sulla borsa milanese anche oggi la peggiore a causa dell'ennesima pesante correzione dei bancari che hanno risentito della risalita dello spread, tornato sui 400 pb.


A Milano il Ftse Mib ha ceduto il 4,98% a 14458 punti. Meno marcati i cali degli altri indici europei: Ibex -2,96%, Dax -2,49%, Ftse 100 -2,24% e Cac 40. -3,08%.
Il nostro listino, dopo una partenza in calo - come tutto il resto d'Europa - in scia ai negativi dati sul mercato del lavoro Usa, ha via via accentuato i ribassi in contemporanea con la graduale salita dello spread Btp/Bund.

"Sono tornate di nuovo le paure sul debito. Questi ribassi, comunque, mi sembrano esagerati. Gli attacchi potevano essere giustificati a novembre, ma dallo scorso anno ad oggi abbiamo fatto dei passi decisamente importanti. Mi sembra che il mercato non stia considerando questo", commenta un operatore.
"Temo che i mercati possano scendere ancora. I volumi pero' non sono cosi' eccessivi. Non c'e' panic selling e non ci sono notizie nuove. Saranno molto importanti le trimestrali americane. Oggi si parte, infatti, con Alcoa", dichiara un altro esperto.

Male le banche: Unicredit -8,1%, Ubi B. -6,49%, Intesa Sanpaolo -7,94%, B.P.Milano -6,81%, B.P.E.Romagna -5,77%, B.Popolare -7,31% e B.P.E.Romagna -5,77%.

In netta controtendenza B.Mps (+0,28%) che grazie ad una brusca accelerazione nel pomeriggio ha chiuso in positivo. Nell'ambito del risparmio gestito da segnalare Azimut H. (-1,85%) che a marzo ha registrato una raccolta netta positiva.

Vendite anche sugli industriali: Fiat -6,41%, Fiat Industrial -5,1% e Pirelli & C. -4,33%. Pesante Stm (-8,19%) che ha risentito della sconfitta nell'ambito dell'arbitrato a favore di Nxp per un importo di circa 59 mln di dollari relativo ai costi di sottoutilizzazione degli impianti imputati dall'impresa stessa alla joint venture fino al 31 dicembre 2009.

Lettera pure sulle utility dove spiccano i cali di A2A (-8,17%) e Enel (-3,26%). Giu' pure Snam R.G. (-2,66%).

Nel resto del listino ancora in evidenza Rcs (+5,4%). La performance odierna segue il rimbalzo del 20,86% messo a segno giovedi' scorso da Rcs, all'indomani dell'uscita di Diego Della Valle dal sindacato e in occasione della presentazione della lista dei candidati per il rinnovo del Cda.

Ben impostata anche Gabetti (+6,4%) dopo che il Cda ha ricevuto un'offerta vincolante da parte di Marcegaglia Spa e di Acosta Srl nell'ambito della riorganizzazione societaria del gruppo. L'offerta prevede, tra l'altro, l'impegno degli investitori a sottoscrivere una somma complessivamente pari a 26 milioni e l'impegno degli investitori a far si' che altri soggetti garantiscano la sottoscrizione e la liberazione della porzione dell'aumento per un controvalore di 6 mln euro.  source