La mia foto

Dopo tanto lavoro, finalmente posso dedicarmi a quello che da sempre avrei voluto fare. Tuffarmi nel mondo della finanza, dell'economia e del trading. Lo studio è quello che più mi gratifica, dopo che la vita m'aveva portato verso altri lidi. Il mio impegno è costante e grazie ad internet sto cercando di carpire metodi consoni a questa mia nuova attività.

chart

chart

Calendario Economico fornito da Forex Pros - Il Portale di Trading sul Forex.

venerdì 27 aprile 2012

La zona euro è un modello economico polarizzato

La zona euro non è un modello uniforme di successo economico.
Se un gruppo di Stati membri avrà successo, un altro gruppo di questi avrà esito negativo. Questo è il risultato della valuta che fornisce un valore di moneta unica su tutto il territorio della zona euro e che a sua volta altera ogni rapporto degli Stati membri con lo scambio e il commercio estero....
Questa relazione ha aiutato gli Stati più forti come la Germania e gli Stati membri scandinavi, ma è venuto a scapito degli stati più deboli della zona euro vale a dire i PIIGS.

I paesi di Eurolandia che ricevono una forte domanda per i loro beni al di fuori della zona euro potranno beneficiarne per essere nella moneta unica. La forte domanda di beni prodotti in paesi come la Germania che normalmente spinge verso l'alto il prezzo della moneta, rende altresì il Paese meno competitivo. Quando un acquirente straniero desidera acquistare beni in un altro paese, dovrà guardare la valuta del venditore prima di operare. Maggiore è la domanda di tali beni maggiore sarà la richiesta per la valuta con la quale potranno essere acquistati. Così i fabbricanti di successo e i paesi esportatori rischiano di diventare meno competitivi nel tempo man mano che aumentano più della domanda. Questo succede dove l'euro è di grande beneficio a questi di produttori di successo ed ai paesi esportatori.
 Il valore in euro però non si basa sulla domanda di un paese, si basa sulla domanda per l'intera zona euro.
I paesi più deboli dell'unione spingono il valore della moneta verso il basso rispetto a ciò che l'individuo valuta il successo del paese, se però questo paese fosse ancora indipendente. La domanda per i prodotti dei paesi di successo non influisce sul prezzo dell'euro perché è stato assorbito dalla riduzione del valore dei paesi più deboli dell'Unione. Ciò consente agli Stati membri più forti di Eurolandia a mantenere elevate le espotazioni senza la perdita inevitabile della domanda interna attraverso l'apprezzamento del valore di valuta. In breve la zona euro ha permesso agli Stati membri di successo, a ricevere un livello di produzione economica elevato grazie proprio al fatto d'essere membri della zona europea, mentre ha avuto effetto negativo per i paesi più deboli.
Il prezzo d'entrata nell'euro più elevato rispetto alla moneta dello Stato membro che aveva prima di entrare nell'unione monetaria, ha frenato la domanda internazionale per i loro beni. Ora il prezzo dei beni acquistati negli Stati più deboli dell'unione monetaria è aumentato rendendoli meno competitivi con il resto del mondo.

E 'possibile dare la colpa all'euro per le difficoltà economiche incontrate dai PIIGS a seguito di questo rapporto?

Siccome il modello economico si basa su una moneta unica in tutta la regione, la valuta ha sviluppato un valore complessivo medio. Per i maggiori paesi esportatori, c'è un vantaggio a lungo termine per essere in questa unione, perché l'effetto della valuta è quello di aumentare la propria economia. Al contrario, per i paesi che esportano meno perderanno gradatamente la loro potenza economica a causa del ridotto interesse nei confronti per i loro prodotti, creato dal valore più alto della valuta stessa. La moneta unica europea ha creato un modello polarizzato economico che creerà un vantaggio economico o conseguenza a seconda di dove ogni Stato membro si trova sul punto medio del valore dell'euro.
E' possibile dire che il benefico lo avranno solo gli stati membri di successo a scapito degli Stati membri che hanno un valore di valuta al di sotto del punto centrale valore dell'euro, riferito a quando erano uno stato indipendente. Il livello più elevato di esportazioni riferito al valore punto medio ha avvantaggiato gli stati di successo ed ha ridotto le esportazioni per gli Stati membri più deboli.

C'è un sacco di prove che suggeriscono nell'unione monetaria europea il perchè del trend negativo delle esportazioni degli stati membri più deboli!
Nel 2009 il livello delle esportazioni provenienti dalla Grecia è sceso a 18,64 miliardi dollari da 29,14 miliardi nel precedente anno . Nel 2010 tutti gli Stati membri PIIGS con l'eccezione dell'Irlanda hanno avuto un disavanzo netto nella loro bilancia commerciale, indice di una riduzione delle esportazioni in relazione alle importazioni . Anche se l'Irlanda ha registrato un surplus netto nel loro equilibrio è probabile che questo era un risultato di una riduzione delle importazioni piuttosto che un aumento delle esportazioni. Questo argomento è rafforzato dai dati relativi alle importazioni nel corso degli ultimi anni, dove c'è stato un calo dal picco di 87,6 miliardi di dollari nel 2007 a ​​70,36 miliardi di dollari nel 2010 .

A livello macroeconomico si potrebbe anche sostenere che l'aumento dell'indebitamento del settore pubblico tra gli stati più deboli può essere stato una conseguenza della mancanza della domanda internazionale da questo meccanismo di sub-punto medio in moneta. L'indebitamento e la spesa pubblica potrebbero essere avvenuti per compensare la perdita della domanda visto come l'interesse straniero nel sub-punto centrale gli Stati membri è diminuito a causa dell'entrata nella zona euro.
La parte peggiore è quello che sta accadendo ora e cioè più peggiora la situazione economica nell'area PIIGS, più polarizzato ne diventa il rapporto. Quanto più gli Stati deboli si deteriorano cadendo dal valore punto medio dell'euro e tanto più sarà l'impatto sulla domanda estera. Di riflesso è vero il contrario. Gli stati più forti come la Germania hanno e avranno grande beneficio a seguito del peggioramento della situazione degli stati membri PIIGS. La regione economica diventerà più polarizzata come la crisi si aggrava e creerà una divisione del potere economico su tutto il territorio della zona euro. source
di Peter Morgan JR.... macroeconomista freelance che sviluppa nuovi strumenti economici e  prodotti finanziari, laurea in contabilità e finanza, ha poi lavorato nel settore bancario e fallimentare.