La mia foto

Dopo tanto lavoro, finalmente posso dedicarmi a quello che da sempre avrei voluto fare. Tuffarmi nel mondo della finanza, dell'economia e del trading. Lo studio è quello che più mi gratifica, dopo che la vita m'aveva portato verso altri lidi. Il mio impegno è costante e grazie ad internet sto cercando di carpire metodi consoni a questa mia nuova attività.

chart

chart

Calendario Economico fornito da Forex Pros - Il Portale di Trading sul Forex.

martedì 24 aprile 2012

Il sitema finanziario svizzero sotto pressione...rischia 20.000 posti di lavoro


Ermotti (UBS): «Siamo sotto attacco, a rischio 20 mila posti di lavoro».

La piazza finanziaria svizzera potrebbe perdere qualcosa come 20 mila posti di lavoro nei prossimi anni. Ciò soprattutto in ragione della «guerra economica» scatenata dagli Stati Uniti e dall’Unione europea contro la nazione alpina ed in particolare contro le sue grandi banche....

A dichiararlo è stato ieri il numero uno di UBS, Sergio Ermotti, in un’intervista rilasciata al domenicale Sonntags Zeitung.

«La Svizzera è sotto attacco dal 2008. L’idea centrale di tale strategia è quella di indebolire i due principali istituti di credito del Paese (UBS e Credit Suisse, ndr) che registrano un ampio successo a livello internazionale», ha spiegato il manager, facendo riferimento alla scelta di numerosi governi di aprire delle brecce in particolare nel segreto bancario elvetico, considerato un volano per possibili evasioni fiscali. Il risultato, secondo Ermotti, sarà un netto calo degli asset gestiti dalle banche del suo Paese, che si dovranno adattare riducendo i costi. «Per questo mi aspetto che la piazza finanziaria perda circa il 20% degli attuali posti di lavoro nel prossimo futuro», ha dichiarato il dirigente.

Ad oggi 11 banche svizzere sono indagate negli Stati Uniti con l’accusa di aver aiutato cittadini americani ad aggirare il fisco del loro Paese. Mentre, al contempo, una nuova inchiesta è stata avviata anche dalla giustizia francese nei confronti proprio di UBS.  source