La mia foto

Dopo tanto lavoro, finalmente posso dedicarmi a quello che da sempre avrei voluto fare. Tuffarmi nel mondo della finanza, dell'economia e del trading. Lo studio è quello che più mi gratifica, dopo che la vita m'aveva portato verso altri lidi. Il mio impegno è costante e grazie ad internet sto cercando di carpire metodi consoni a questa mia nuova attività.

chart

chart

Calendario Economico fornito da Forex Pros - Il Portale di Trading sul Forex.

martedì 24 aprile 2012

I costi degli strumenti finanziari: non solo monetari

Recentemente, su YouInvest, Nicola Zanella ha affrontato l'interessante tema della classificazione degli strumenti finanziari non solo in base al concetto di rischio, ma anche -e soprattutto- in base al concetto di costo, includendo in tale concetto non solo il costo monetario (direttamente o indirettamente pagato dall'investitore) ma anche il costo informativo ed il costo psicologico.

Abbiamo parlato molte volte, su questo sito, dell'importanza di scegliere strumenti finanziari con costi (monetari, diretti e indiretti) contenuti. Una delle regole auree degli investimenti dice che in finanza non vale il concetto di "maggiore il costo, maggiore la qualità". Solitamente vale la regola inversa....
Se un prodotto finanziario costa molto, vale poco.
Non abbiamo, invece, parlato spesso del costo informativo. Anche uno strumento finanziario potenzialmente interessante può dare esiti deludenti se non si è utilizzato con la necessaria cognizione di causa. Acquisire le informazioni necessarie per utilizzare consapevolmente degli strumenti finanziari costa molto in termini di tempo da dedicare alla finanza, ma è pressoché indispensabile per ottenere risultati soddisfacenti dagli investimenti finanziari.
Questo è un concetto che la grande maggioranza degli investitori non riesce a comprendere. Quasi tutti sono convinti che se uno strumento è buono ("rende tanto..."), è tale per chiunque, come fosse un televisore, un'automobile o un frigorifero. Le cose non stanno così. Se un investitore non ha sufficiente conoscenza, esperienza e tempo per avere in portafoglio una componente azionaria, a prescindere dalla qualità degli strumenti scelti, è molto probabile che sarà deluso dai suoi investimenti.
Quanto al costo psicologico, questo è legato allo stress che può generare un investimento ai quali non siamo psicologicamente preparati. Questo costo è in parte collegato al costo informativo, poiché maggiore è la conoscenza dello strumento e minore e l'ansia e lo stress che esso può generare, ma in parte è dovuto ad una predisposizione individuale.
E' chiaro che un prodotto finanziario eccessivamente costoso, dal punto di vista monetario, non sarà mai buono a prescindere dai costi informativi e psicologici, ma non è vero il contrario.
Sarebbe molto utile se le autorità di vigilanza sviluppassero dei criteri con i quai identificare per ciascuna categoria di strumenti finanziari dei livelli di costo complessivo per il corretto utilizzo dello strumento in riferimento ad un investitore medio. Oltre al livello di rischio (basso, medio-basso, medio, medio-alto e alto) si potrebbe affiancare il livello di costo complessivo indicandolo ugualmente in fasce: basso, medio-basso, medio, medio-alto, alto. La grande maggioranza dei prodotti finanziaria maggiormente venduti della banche rientrerebbero nella categoria medio-alto e alta. E questa informazione potrebbe essere molto utile agli investitori. source
di Alessandro Pedone