La mia foto

Dopo tanto lavoro, finalmente posso dedicarmi a quello che da sempre avrei voluto fare. Tuffarmi nel mondo della finanza, dell'economia e del trading. Lo studio è quello che più mi gratifica, dopo che la vita m'aveva portato verso altri lidi. Il mio impegno è costante e grazie ad internet sto cercando di carpire metodi consoni a questa mia nuova attività.

chart

chart

Calendario Economico fornito da Forex Pros - Il Portale di Trading sul Forex.

lunedì 30 aprile 2012

Brasile in retrocessione?


Lo spettro del ritorno alla settima posizione nella classifica delle maggiori economie mondiali si aggira sul Brasile.


Secondo il World Economic Outlook, il rapporto divulgato dal Fondo Monetario Internazionale (FMI) e incentrato sulle stime riguardanti l’economia internazionale, nel corso del 2012 il Brasile potrebbe essere superato dal Regno Unito e tornare quindi ad occupare la settima posizione nella classifica delle maggiori economie a livello mondiale.....

Stando a quanto reso noto dal FMI, nel corso del 2012 l’economia del Paese sudamericano dovrebbe aumentare più di quella britannica se si considera il valore assoluto, ma meno se si valuta il Pil nominale misurato in dollari. 
Secondo il rapporto nel 2012 il Pil del Brasile dovrebbe crescere del 3%, mentre quello britannico dello 0,8%, e ammontare rispettivamente a 2,449 miliardi di dollari e 2,452 miliardi di dollari.


Se quindi nel 2011 il Pil brasiliano era riuscito a sorpassare quello del Regno Unito, registrando una crescita del 2,7% contro un +0,7% registrato dal Pil britannico, nel 2012 la situazione potrebbe capovolgersi.


L’analista Daniel Lima ha commentato ''Nel 2011, la quotazione del dollaro ha registrato una media di 1,67 reais. Per il 2012, stiamo stimando una media di 1,82 Reais su base annua. 
Quando si confronta il PIL in dollari si registra sempre un effetto di cambio, per questo è meglio confrontare il PIL pro capite, e, secondo questo criterio, il Brasile si piazza ancora molto indietro”. 
Stando infatti ai calcoli della Rosemberg & Associados, per l’anno in corso è previsto un deprezzamento dell’8,9% del Real rispetto al dollaro. source