La mia foto

Dopo tanto lavoro, finalmente posso dedicarmi a quello che da sempre avrei voluto fare. Tuffarmi nel mondo della finanza, dell'economia e del trading. Lo studio è quello che più mi gratifica, dopo che la vita m'aveva portato verso altri lidi. Il mio impegno è costante e grazie ad internet sto cercando di carpire metodi consoni a questa mia nuova attività.

chart

chart

Calendario Economico fornito da Forex Pros - Il Portale di Trading sul Forex.

martedì 20 marzo 2012

Eurogruppo...la Germania vuole la presidenza.

Il ministro delle finanze tedesco sarà il prossimo presidente dell'Eurogruppo? 

Il 16 marzo il Financial Times Deutschland ha rivelato che Wolfgang Schäuble è il candidato scelto dalla cancelliera tedesca per sostituire Jean-Claude Juncker, e da allora in Germania le speculazioni si rincorrono a ritmo serrato. Oggi la Süddeutsche Zeitung esprime il proprio stupore:


"Un ministro delle finanze tedesco non è il candidato ideale alla presidenza dell'Eurogruppo. A sancirlo è soprattutto l'aritmetica dell'equilibrio di potere in Europa. In altri tempi sarebbe escluso a priori che alla guida della comunità della moneta unica ci sia un rappresentante di un paese che è già la forza principale del continente e ha appena imposto a tutti gli altri la sua cultura nazionale basata sull'austerity."

Al momento, però, non ci sono altri concorrenti, dato che l'Italiano Mario Monti e il finlandese Jyrki Katainen sono stati cancellati dalla lista a causa dei ruoli chiave occupati dai loro compatrioti (Mario Draghi è presidente della Bce e Olli Rehn è commissario Ue all’economia). Il quotidiano di Monaco sottolinea comunque che Schäuble ha la statura adatta a ricoprire l'incarico. Juncker, il cui mandato termina a giugno, ha fatto sapere a gennaio di non volersi ricandidare, e lo stesso Schäuble ha sottolineato che il nuovo presidente deve far parte di un paese con un rating AAA, limitando in questo modo la scelta a Germania, Finlandia e Paesi Bassi. Per arrivare a una decisione definitiva bisognerà attendere la decisone della Francia, che arriverà soltanto dopo le presidenziali e le legislative di giugno. source