La mia foto

Dopo tanto lavoro, finalmente posso dedicarmi a quello che da sempre avrei voluto fare. Tuffarmi nel mondo della finanza, dell'economia e del trading. Lo studio è quello che più mi gratifica, dopo che la vita m'aveva portato verso altri lidi. Il mio impegno è costante e grazie ad internet sto cercando di carpire metodi consoni a questa mia nuova attività.

chart

chart

Calendario Economico fornito da Forex Pros - Il Portale di Trading sul Forex.

venerdì 24 febbraio 2012

Vendite, mai così male dal 2009

A dicembre gli acquisti segnano il ribasso più forte dal 2004. Su base annua calano il food e il non food, ai livelli più bassi da tre anni.


Le vendite al dettaglio a dicembre segnano una diminuzione su novembre dell’1,1% (dato destagionalizzato), il ribasso più forte da luglio 2004.
 
CALANO IL FOOD E IL NON-FOOD.
Lo rileva l’Istat, precisando che in negativo risultano sia l’alimentare (-1,0%) che il non alimentare (-1,2%). Su base annua il calo è del 3,7% (dato grezzo), il peggiore da marzo 2009. Le vendite al dettaglio nel 2011 calano dell’1,3% (dato grezzo) rispetto 2010,
quando si erano mantenute, pur di poco, sopra lo zero (+0,2%). Le vendite degli alimentari restano ferme e il non food scende dell’1,8%. Nel complesso si tratta del dato peggiore dal 2009.
 
FLESSIONE SU BASE ANNUA E TRIMESTRALE.
Il dato dell’Istat rappresenta il valore corrente che incorpora la dinamica sia delle quantità sia dei prezzi (il tasso annuo d’inflazione a dicembre 2011 è stato pari al 3,3%). Il forte calo segnato dalle vendite su base annua è il risultato, spiega l’Istat, di una discesa dell’1,7% per gli alimentari e del 4,4% per il non food. E anche guardando all’ultimo trimestre del 2011, sul piano congiunturale, le vendite registrano un ribasso (-1,0%).
VENDITE GIÙ IN TUTTE LE AZIENDE.
Con riferimento alla dimensione delle imprese, nel mese di dicembre il valore delle vendite diminuisce, in termini tendenziali, del 3,4% nelle imprese fino a 5 addetti, del 3,3% nelle imprese da 6 a 49 addetti e del 4,2% in quelle con almeno 50 addetti. Analizzando i diversi settori, a dicembre si registrano variazioni tendenziali negative in tutti i gruppi di prodotti. Le diminuzioni tendenziali di maggiore entità riguardano elettrodomestici, radio, tv e registratori (-11,3%) e supporti magnetici e strumenti musicali (-7,8%). Il gruppo che mostra la flessione più contenuta (-1,6%) è quello dei prodotti di profumeria e cura della persona.
 
LA GDO SI SALVA GRAZIE AI SUPERMERCATI E AI DISCOUNT.
Per la grande distribuzione il ribasso è stato dello 0,9%, più attenuato rispetto al -1,4% segnato dai piccoli negozi. Nel dettaglio, la grande distribuzione ha ricevuto un aiuto solo da supermercati (+0,5%) e discount di alimentari (+1,6%).
 
MALE ELETTRODOMESTICI, FOTO-OTTICA E PELLICOLE.
A livello settoriale i prodotti che durante il 2011 hanno fatto peggio sono: elettrodomestici, radio, tv e registratori e supporti magnetici, strumenti musical (entrambi -5,7%); decisi ribassi si rilevano anche per foto-ottica e pellicole (-2,5%) e calzature, articoli in cuoi e da viaggio (-2,4%). Colpisce il fatto che nessuna delle categorie individuate dall’Istat abbia segnato rialzi nel 2011. fonte