La mia foto

Dopo tanto lavoro, finalmente posso dedicarmi a quello che da sempre avrei voluto fare. Tuffarmi nel mondo della finanza, dell'economia e del trading. Lo studio è quello che più mi gratifica, dopo che la vita m'aveva portato verso altri lidi. Il mio impegno è costante e grazie ad internet sto cercando di carpire metodi consoni a questa mia nuova attività.

chart

chart

Calendario Economico fornito da Forex Pros - Il Portale di Trading sul Forex.

martedì 14 febbraio 2012

L’Italia di nuovo nel mirino della Commissione Europea...e delle Agenzie del Rating


Prepariamoci al peggio.


L’Unione Europea torna a tartassare l’Italia su debito pubblico e mercato del lavoro. Martedì verrà reso un rapporto della Commissione Europea. I nuovi trattati all’opera.
Secondo alcune indiscrezioni, l'Italia fa parte del gruppo di paesi dell’Unione Europea che presentano i maggiori squilibri macro-economici. Questa, secondo quanto appreso dall'Ansa, l'indicazione contenuta nel primo rapporto sul meccanismo d'allerta messo in piedi da Bruxelles per la prevenzione e la correzione degli squilibri macro-economici che sarà reso noto
martedì. Secondo l'analisi compiuta dai servizi della Commissione europea i due principali fattori a pesare negativamente sulla situazione italiana sono l'elevato livello del debito pubblico (anche se Bruxelles riconosce che il livello del debito privato è relativamente contenuto) e la progressiva perdita di competitività registrata a partire dalla metà degli anni '90. Una dinamica, quest'ultima, su cui hanno pesato il calo della produttività e l'andamento del costo del lavoro per unità di prodotto. Martedì prossimo, salvo sorprese dell'ultima ora, il rapporto sarà presentato dal commissario per gli affari economici e monetari Olli Rehn a Strasburgo, nella sede del Parlamento europeo, proprio alla vigilia del previsto intervento in aula del presidente del Consiglio Mario Monti. Insieme all'Italia, nel gruppo dei Paesi messi peggio, figurano la Spagna, Cipro e l'Ungheria. Per tutti, l'indicazione di Bruxelles è la stessa: intervenire per correggere gli squilibri accumulati sia sul lato interno che su quello esterno riducendo l'elevato livello dell'indebitamento e recuperando competitività al fine di migliorare la crescita. Il rapporto sul meccanismo d'allerta è uno degli strumenti previsti dal “Six Pack” il nuovo trattato entrato in vigore lo scorso dicembre per rispondere alla crisi dei debiti sovrani. fonte

Mentre sto scrivendo Moody's ha declassato di nuovo l'Italia portando il rating del Bel Paese ad A3 da A2 con outlook negativo. Oltre all'Italia arriva anche una pioggia di downgrade per altri 6 Paesi europei tra cui Portogallo, Spagna, Malta, Slovacchia e Slovenia. Outlook negativo anche per Francia, Gran Bretagna ed Austria che mantengono comunque la tripla A di quest'agenzia del rating.