La mia foto

Dopo tanto lavoro, finalmente posso dedicarmi a quello che da sempre avrei voluto fare. Tuffarmi nel mondo della finanza, dell'economia e del trading. Lo studio è quello che più mi gratifica, dopo che la vita m'aveva portato verso altri lidi. Il mio impegno è costante e grazie ad internet sto cercando di carpire metodi consoni a questa mia nuova attività.

chart

chart

Calendario Economico fornito da Forex Pros - Il Portale di Trading sul Forex.

martedì 14 febbraio 2012

Le chiacchiere di Bernanke e la verità sull’economia degli Stati Uniti


Martedì 7 febbraio Ben Bernanke ha riconfermato l’impegno della Federal Reserve, la banca centrale statunitense, nel fare il possibile per evitare che la crisi finanziaria penalizzi l’economia degli Stati Uniti.

“Teniamo la situazione sotto controllo e studiamo misure per proteggere il sistema finanziario americano e l’economia – ha dichiarato Bernanke, che è rimasto prudente riguardo alle prospettive economiche del paese. Riferendosi alla pubblicazione, venerdì scorso, del rapporto sul tasso di disoccupazione, che sarebbe il più basso degli ultimi tre anni, ha usato toni misurati: “Abbiamo ancora molto da fare prima di poter dire che il mercato del lavoro
si sta comportando normalmente.”

In realtà l’economia americana è già penalizzata e i dati che vogliono la disoccupazione ai livelli più bassi degli ultimi tre anni sanno tanto di propaganda elettorale pro-Obama.

Un interessante commento sulla reale situazione economica negli Stati Uniti viene dal sito The economic collapse blog.com : “La crisi finanziaria del 2008 è stata solo un esercizio di riscaldamento per lo spettacolo di orrore economico che sta arrivando. Nessuno dei problemi che hanno causato la crisi del 2008 è stato risolto e finanziariamente siamo ancora più deboli di quanto non lo fossimo allora.

Le banche “too big to fail” sono oggi più grandi che mai. Il totale delle attività dei 6 maggiori istituti di credito del paese è aumentato del 39% tra il 30 settembre 2006 e il 30 settembre 2011.
Se oggi queste 6 banche fallissero, il disastro per il nostro sistema finanziario sarebbe ben peggiore di quanto non lo fosse stato nel 2008.

Gli americani gestiscono le carte di credito come se il futuro non esiste. Nel 2011 hanno addebitato sulle loro carte di credito un totale di 2,5 triliardi di dollari (1 triliardo equivale a mille miliardi di miliardi).
Alcuni americani pagano le note delle carte di credito ogni mese, ma troppi non lo stanno facendo.
Negli ultimi anni il reddito medio familiare è diminuito costantemente. Decine di milioni di famiglie americane sono ridotte o si stanno riducendo in povertà.
Nel 2000 un americano su nove viveva in povertà. Oggi il rapporto è di uno su sette.
Nel 2008 e nel 2009, milioni di americani improvvisamente hanno perso il loro lavoro. Poichè non avevano risparmi, molti di loro hanno perso la casa, passando da una situazione di solida classe media al ritrovarsi sulla strada nel giro di pochi mesi.” fonte