La mia foto

Dopo tanto lavoro, finalmente posso dedicarmi a quello che da sempre avrei voluto fare. Tuffarmi nel mondo della finanza, dell'economia e del trading. Lo studio è quello che più mi gratifica, dopo che la vita m'aveva portato verso altri lidi. Il mio impegno è costante e grazie ad internet sto cercando di carpire metodi consoni a questa mia nuova attività.

chart

chart

Calendario Economico fornito da Forex Pros - Il Portale di Trading sul Forex.

mercoledì 4 gennaio 2012

UNICREDIT....fondazione Cassamarca indecisa su adesione AdC.

Premessa: CASSAMARCA (Cassa di Risparmio della Marca Trivigiana, più comunemente conosciuta come Cassamarca, era un istituto bancario con sede a Treviso).
Fu istituita su iniziativa del Monte di Pietà nel 1913, continuando la prima cassa di risparmio della città, aperta nel 1822. Nel 1938 assorbiva la Banca Popolare di Asolo e nel 1942 incorporava lo stesso Monte di Pietà, antica istituzione fondata nel 1496.
Nel 1998 è entrata a far parte del gruppo Unicredit. Al suo posto è sorta la Fondazione Cassamarca, ente sostenuto dalla stessa Unicredit che finanzia attività economiche, scientifiche, culturali e ambientali.

***Il Cda della Fondazione Cassamarca si riunira' il 17 gennaio per decidere sulla partecipazione
all'aumento di capitale da 7,5 mld varato da Unicredit. Lo ha confermato a MF-Dowjones una fonte a conoscenza della vicenda.
La fondazione detiene una partecipazione nel capitale sociale dell'istituto di credito di piazza Cordusio pari a circa lo 0,7%.
Lo scorso 15 novembre il Consiglio di Indirizzo e il Cda di F.Cassamarca, riunitisi per discutere proprio sulla decisione di Unicredit di effettuare la ricapitalizzazione e di non distribuire un dividendo nel 2012, avevano deliberato all'unanimita' di studiare l'adesione all'aumento.
E' probabile che la fondazione non aderisca al 100%, data la situazione economico finanziaria dell'ente definita dal presidente stesso, Dino De Poli, "grave".
Tuttavia e' previsto anche un piano B: Bofa-Merrill Lynch (che e' anche global coordinator dell'aumento assieme a Mediobanca) si e' infatti dichiarata disponibile a fornire le risorse necessarie a sottoscrivere l'aumento attraverso un finanziamento regolato da pegno sul pacchetto di azioni Unicredit e da un complesso di opzioni put e call sullo stesso. Lo schema dell'operazione prevede che, se il titolo di Piazza Cordusio dovesse scendere sotto una certa soglia prestabilita, Cassamarca avrebbe il diritto a vendere le azioni alla controparte a un prezzo predefinito. Viceversa, se il titolo salisse oltre una certa soglia, sarebbe la controparte ad avere la possibilita' di acquistare a un prezzo prefissato.***fonte