La mia foto

Dopo tanto lavoro, finalmente posso dedicarmi a quello che da sempre avrei voluto fare. Tuffarmi nel mondo della finanza, dell'economia e del trading. Lo studio è quello che più mi gratifica, dopo che la vita m'aveva portato verso altri lidi. Il mio impegno è costante e grazie ad internet sto cercando di carpire metodi consoni a questa mia nuova attività.

chart

chart

Calendario Economico fornito da Forex Pros - Il Portale di Trading sul Forex.

lunedì 9 gennaio 2012

Unicredit: impone a filiali giro di vite su credito

"Al momento, la nostra banca ha un eccesso di credito rispetto alla raccolta diretta.
Lo squilibrio e' notevole e ci impone sia di limitare l'espansione in modo selettivo scegliendo le operazioni che ci interessano di piu' in termini di ritorni commerciali e reddituali sia di migliorare la qualita' del credito".

Inizia cosi' un documento, di cui MF Dowjones e' entrata in possesso, che e' stato distribuito qualche giorno fa alle filiali di Unicredit per fornire indicazioni generali in merito all'erogazione del credito.

Il faro di Piazza Cordusio e' puntato soprattutto sui nuovi clienti del gruppo che dovessero richiedere
finanziamenti. "E' opportuno un periodo di sperimentazione, da valutare di volta in volta prima di impegnarci con operazioni a medio termine, a prescindere dalla presenza di un consorzio di garanzia", chiarisce infatti il documento.

Il giro di vite non risparmia neppure rapporti ormai consolidati con clienti di vecchia data. "Proposte di incremento fido o di nuovo affidamento dovrebbero essere valutate solo per clienti con rating da 1 a 5. L'atteggiamento dovrebbe essere di mantenimento su clienti con rating 6. Le proposte con rating superiore dovranno essere opportunamente valutate", spiega infatti la nota interna, "per valutare se e in che termini la situazione possa evolvere positivamente, considerando che i clienti dovrebbero essere messi a conoscenza che in caso contrario, prima o poi, si arrivera' all'opportunita' di concordare un rientro".

"La clientela che ci richiede fidi o prestiti viene giudicata in base a una scala di rating che va da 1 a 9, dove 1 equivale a rischio insolvenza pari a zero e dove 5 oggi rappresenta un'asticella da non superare", ha chiarito una fonte del gruppo, aggiungendo che "il rating viene fornito in modo automatico da un software a conclusione della pratica. Vengono presi in considerazione sia dati di bilancio sia dell'analisi andamentale, eventuali insoluti e andamento del settore merceologico di appartenenza".

Ad ogni modo, sia che si tratti di vecchi o di nuovi clienti, l'input che arriva in questo momento dalla direzione del gruppo e' che le operazioni di prestito e finanziamento che vengono inoltrate al Polo Crediti (la struttura cui spetta la valutazione di gran parte delle pratiche, mentre la decisione su un numero piu' limitato spetta ai direttori di filiale, ndr) dovrebbero essere "di gran lunga minori in numero di quanto rileviamo invece adesso".

Il documento entra poi nel merito delle operazioni che il gruppo milanese guidato da Federico Ghizzoni e' disposto a sostenere. "Non siamo disponibili a consolidare i debiti dei clienti se non nell'ambito di un piano di ristrutturazione che non preveda altre vie d'uscita. In ogni caso non ci sostituiamo al debito delle altre banche o al leasing, non sosteniamo il contenzioso dei clienti salvo che non si tratti di crediti che abbiamo anticipato noi e per i quali non siano state commesse irregolarita'".

"Non ci interessa finanziare il trading di qualunque natura esso sia, l'immobiliare speculativo, il campo finanziario", prosegue poi il documento, specificando che - nella lista delle societa' che per tipologia di business dovranno essere escluse dai finanziamenti - rientrano "le immobiliari, le holding, le societa' estere e quelle controllate da soggetti esteri per natura fiscale, le finanziarie di qualunque genere, le commerciali che non mostrino elementi strutturali tali da renderle affidabili e - con le dovute eccezioni - le concessionarie auto".

       Tempi duri, infine, per chi opera nel settore dello sviluppo immobiliare o in quello del fotovoltaico. Per quanto riguarda il primo, il documento indica infatti che al credito potranno accedere solo "un cliente conosciuto. Dovra' inoltre portare l'area gia' di proprieta', sul cui valore noi non interverremo.Il nostro intervento sui costi di costruzione avverra' solo a conguaglio, dopo che il costruttore avra' investito la sua quota, con pagamenti accertati". Non solo. "Le erogazioni oltre il 30% della nostra quota potranno avvenire solo a presentazione di un 20% di compromessi di vendita". Percentuale che sale al 50% se le erogazioni richieste sono superiori al 70%. Per chi opera invece nel fotovoltaico, addio a operazioni di carattere speculative, che negli ultimi anni - prima della stretta del Conto Energia, erano diventate frequenti anche tra gli operatori di family office. "E' opportuno limitarci all'intervento a fronte di investimenti di importo limitato e solo per impianti a corredo dell'attivita' industriale del cliente", spiega infatti a chiare lettere il documento. Che esclude "investimenti di natura speculativa da parte di operatori non interessati al settore energetico". fonte

QUESTA E' L'ARIA CHE TIRA IN CASA Unicredit!!!!!