La mia foto

Dopo tanto lavoro, finalmente posso dedicarmi a quello che da sempre avrei voluto fare. Tuffarmi nel mondo della finanza, dell'economia e del trading. Lo studio è quello che più mi gratifica, dopo che la vita m'aveva portato verso altri lidi. Il mio impegno è costante e grazie ad internet sto cercando di carpire metodi consoni a questa mia nuova attività.

chart

chart

Calendario Economico fornito da Forex Pros - Il Portale di Trading sul Forex.

giovedì 12 gennaio 2012

Per le....breakfast commodities...prezzi record.


Zucchero, caffè, tè e succo d'arancia: prezzi record.

La crisi e i cambiamenti climatici colpiscono anche la colazione. O meglio: zucchero, caffè, tè, cacao e succo d'arancia, le cosiddette 'breakfast commodities', che nel corso del 2009 hanno visto un'impennata delle loro quotazioni come conseguenza, tra le altre cose, di raccolti al di sotto delle previsioni e aumento della domanda dai Paesi emergenti.
Accade così che il dolcificante per eccellenza raddoppi il suo valore nel giro di 12 mesi: a Londra, nel mese di dicembre ha toccato quota 651 dollari a tonnellata con un incremento pari al 98,5% da gennaio.
Proprio il Brasile, il più importante produttore al mondo di zucchero, ha infatti annunciato una produzione
inferiore alle attese. E allo stesso tempo gli importatori, come l'India, per la scarsità dei loro raccolti, avrebbero più urgenza di comprare.

Le bevande non sono da meno: anche il tè ha visto raddoppiare in un anno il suo valore mentre il caffè ha fatto un balzo del 30% in 11 mesi.

Poche 'speranze' anche per i golosi del cioccolato. Il cacao, a Londra, si è avvicinato a livelli che non raggiungeva da 30 anni. Gli operatori del commercio, infatti, temono una caduta della produzione nei paesi che più contribuiscono a questo mercato, Costa d'Avorio e Ghana. Non si salva nemmeno il succo d'arancia che ha toccato i livelli più alti da marzo 2008fonte