La mia foto

Dopo tanto lavoro, finalmente posso dedicarmi a quello che da sempre avrei voluto fare. Tuffarmi nel mondo della finanza, dell'economia e del trading. Lo studio è quello che più mi gratifica, dopo che la vita m'aveva portato verso altri lidi. Il mio impegno è costante e grazie ad internet sto cercando di carpire metodi consoni a questa mia nuova attività.

chart

chart

Calendario Economico fornito da Forex Pros - Il Portale di Trading sul Forex.

mercoledì 4 gennaio 2012

MONTE dei PASCHI tra campanilismo e leaderschip

B.Mps: Siena studia piano in 3 mosse per blindarla.

 
"Il rischio concreto e' che Siena perda la sua banca". E' la frase di un osservatore attento alle vicende di B.Mps dopo il cambio al vertice dei giorni scorsi, riportata in un retroscena sulla Stampa.

Proprio per elaborare una via d'uscita che tenga insieme politica e finanza, poltrone - dove il cambio del sindaco porta con se' un po' di spoil system - ed efficienza gestionale, e' allo studio un piano in tre mosse
per blindare la banca. Si punta infatti su governance, patrimonio e rilancio. Sulla governance si e' gia' intervenuto, con la recente nomina di Fabrizio Viola come direttore generale, scelta voluta da Giuseppe Mussari (presidente di B.Mps) e Franco Ceccuzzi (sindaco di Siena), alla ricerca di un manager non legato a questa o quella cordata. Il secondo punto e' il cambio alla presidenza, dove gli enti locali, grandi azionisti della banca, spingono per un passo indietro del presidente Giuseppe Mussari, da sostituire con un esponente del centro politico. La terza mossa riguarda il vertice della Fondazione, che dovrebbe andare ad un esponente del Pd e, quale presidente di 'garanzia', potrebbe essere nominato l'ex ministro Franco Bassanini.

Altra questione e' poi la richiesta dell'Eba, l'Autorita' bancaria europea, che vorrebbe un rafforzamento patrimoniale ad 3,2 miliari di euro. A Siena per questo si lavora ad un piano che prevederebbe cessioni di attivita' e cartolarizzazioni per un ammontare di 1,8 miliardi di euro. Tali misure verranno comunque esaminate il 12 gennaio, in occasione del prossimo Cda. fonte