La mia foto

Dopo tanto lavoro, finalmente posso dedicarmi a quello che da sempre avrei voluto fare. Tuffarmi nel mondo della finanza, dell'economia e del trading. Lo studio è quello che più mi gratifica, dopo che la vita m'aveva portato verso altri lidi. Il mio impegno è costante e grazie ad internet sto cercando di carpire metodi consoni a questa mia nuova attività.

chart

chart

Calendario Economico fornito da Forex Pros - Il Portale di Trading sul Forex.

giovedì 5 gennaio 2012

L'evoluzione del ruolo delle banche... degli Emerging Markets.

La crisi finanziaria globale ha avuto un forte impatto sulle banche di tutto il mondo. Mentre alcune banche si trovano ad affrontare ristrutturazioni importanti (sia volontarie o imposte dai governi), quasi tutte le banche dovranno adeguarsi per rispettare Basilea III e le altre, misure di regolamentazione specifiche del singolo paese. I cambiamenti indotti dalla crisi, però, avranno un'impatto molto diverso sulle banche dei paesi avanzati rispetto a quelle dei mercati emergenti. In che modo avverà questo spostamento di  equilibrio del sistema finanziario globale?
La tigre e il dragone
Anche se molti in Occidente non hanno familiarità con le banche dei mercati emergenti, esse non sono
affatto piccole. In realtà, la più grande banca del mondo come valore di mercato è ICBC made in Cina. La top 25 mondiale include otto banche dei mercati emergenti. Tra queste, tre altre banche cinesi (Cina Construction Bank, Agricultural Bank of China e Bank of China), tre banche brasiliane (Itaú Unibanco, Banco do Brasil e Banco Bradesco) e una banca russa (Sberbank). Mentre l'ottimismo in eccesso potrebbe avere gonfiato i valori di mercato, queste banche sono più grandi rispetto alle altre. In termini di attività tutte queste banche sono nella top 75 mondiale, con tutte e quattro le banche cinesi nella top 20. Inoltre, nel 2010 le banche dei mercati emergenti come gruppo rappresentano circa il 30% dei profitti globali, un terzo del fatturato globale, e la metà del capitale tier 1.
Non solo i mercati emergenti hanno già sostanzialmente grandi banche, ma stanno recuperando terreno rapidamente. La crescita delle attività è stata impressionante in molti mercati emergenti. Anche se la Cina rallenta, altri mercati emergenti hanno visto un aumento impressionante delle attività bancarie. Mentre le banche dei mercati emergenti già son cresciute più rapidamente rispetto ai loro omologhi dei paesi avanzati prima del 2007, la crisi finanziaria ha accelerato questa tendenza. La prevista crescita delle banche continua nei mercati emergenti e la stagnazione probabile (o addirittura di contrazione) dei paesi avanzati, dove le banche, devono ancora affrontare rischi diversi, implica che l'importanza relativa dei mercati emergenti fanno si che le banche di quelle aree cresceranno rapidamente.
Differenze che contano
Diversi fattori rendono più facile per le banche dei mercati emergenti a superare la tempesta causata dalla crisi finanziaria. In primo luogo, il rapporto deposito-prestito in generale è molto basso a causa della posizione risparmio netto di questi paesi. Questo riparo dei mercati emergenti nei sistemi bancari in larga misura è dovuto dal crollo del mercato interbancario e ridotto la necessità di deleveraging sostanziali. Questo permette loro di continuare a concedere prestiti utilizzando una fonte stabile e spesso crescente di finanziamenti deposito. In secondo luogo, la maggior parte dei mercati emergenti le banche hanno già coefficienti patrimoniali elevati, limitando le pressioni per aggiustamenti di bilancio. Inoltre, le nuove regole di capitale secondo Basilea III rischiano di essere molto meno doloroso per queste banche, che in genere hanno attività meno rischiose e il loro investiment-banking aziendale tende ad essere di piccole dimensioni.
Altrettanto importante per le banche dei mercati emergenti è che si trovano di fronte a una situazione molto diversa sul mercato nazionale rispetto ai loro corrispondenti dei paesi avanzati. In primo luogo, gran parte della popolazione nei paesi emergenti è ancora unbanked. Questo prevede ampie opportunità di crescita in questi mercati. Al contrario, a causa della generale debolezza economica e riduzione della leva finanziaria in corso tra le imprese e le famiglie la crescita del credito previsto nelle economie avanzate è bassa. In secondo luogo, le prospettive macroeconomiche di questi paesi è molto migliore di quella dei paesi avanzati. Non sono di fronte a grandi problemi del debito sovrano, né grandi disavanzi delle partite correnti, la maggior parte dei mercati emergenti sono su un piede abbastanza solido. Anche se non sarà isolato dai problemi in Europa e negli Stati Uniti, la dipendenza di questi mercati in Occidente è parecchio diminuita negli ultimi anni.
Espansione internazionale
Grazie alla vastità, dei mercati emergenti, le banche quasi sicuramente diventeranno presto attori importanti del sistema finanziario mondiale. È meno chiaro però, quanto la loro portata globale si estenderà. Con ancora una parte importante della popolazione unbanked, la maggior parte dei mercati emergenti le banche faccia pressioni in casa per aumentare i prestiti che riduce i fondi disponibili per l'espansione all'estero. Inoltre, una parte importante di depositi in eccesso viene bloccato in stato di sonnolenza banche che hanno manifestato interesse molto limitato per l'espansione all'estero. Inoltre, molti mercati emergenti le banche hanno solo disposizioni limitate mettere da parte, soprattutto rispetto alle banche dei paesi avanzati, e quindi sono sottoposte a pressioni per aumentare le loro riserve di crediti inesigibili. Infine, i regolatori potrebbero opporsi avventure all'estero, come l'utilizzo di depositi nazionali per finanziare una filiale all'estero espone la banca al rischio di cambio e di controparte.
Allo stesso tempo, una serie di fattori potrebbero anche spingere le banche ad aumentare la loro presenza a livello mondiale. In primo luogo, anche con gli avvertimenti sopra descritti, la posizione di finanziamento della maggior parte delle banche dei grandi mercati emergenti sembra buono, fornendo loro una rilevante quantità di fondi rispetto alle loro controparti dei paesi avanzati. Inoltre, un certo numero di queste banche sono altamente redditizie che permette loro di investire e al tempo stesso dà loro un buffer per assorbire le perdite potenziali. Entrambi i fattori offrono agli istituti di credito dei mercati emergenti, molti mezzi per cogliere le opportunità quando le banche dei paesi avanzati, hanno bisogno di consolidare, (costrette o volontariamente) per vendere parte delle loro controllate. Inoltre, un numero crescente di mercati emergenti le aziende stanno stabilendo una presenza all'estero, fornendo dei mercati emergenti le banche l'opportunità di estendere la loro rete estera al fine di servire i loro clienti nazionali all'estero. 
1- infine, un consistente numero di mercati emergenti le banche non sono estranee alla creazione di succursali o filiali in altri paesi. Infatti, nel 2009 quasi il 30% delle banche straniere erano di proprietà di banche dei mercati emergenti. 
2- Questo dimostra che queste banche hanno le conoscenze e le competenze per intraprendere e gestire delle operazioni all'estero.
Stare vicino a casa
Facendo un bilancio, c'è da aspettarsi che nei prossimi anni le banche dei mercati emergenti non solo cresceranno nel loro mercato domestico, ma  espanderanno anche la loro portata globale. Tuttavia, questa espansione è probabile che sia limitata alla regione geografica della sede della banca. La ricerca ha dimostrato che la vicinanza ai propri clienti rende più facile per le banche di fare affari. 
3- Quindi i margini di profitto sono probabilmente relativamente alti per banche dei mercati emergenti in altri mercati emergenti. Infatti, se guardiamo la precedente espansione di mercati emergenti le banche, il 70% dei loro investimenti tendono ad essere in paesi all'interno della propria regione geografica. 
4- Inoltre, con un sistema bancario completamente sviluppato, i problemi del debito sovrano, e la bassa crescita economica prevista, i profitti non sono comparabili con quelli dei paesi avanzati, fornendo un altro motivo per cui gli investimenti in altri mercati emergenti sono più probabili. Inoltre, il giro di vite normativo nei paesi avanzati, causato da alcuni transfrontalieri fallimenti bancari, potrebbe rendere difficile per le banche dei mercati emergenti a creare una succursale o filiale in questi paesi. Con i paesi avanzati le banche cercano di adattarsi alle nuove regole del gioco, è improbabile che molte di queste banche rimarranno investitori attivi nel prossimo futuro. Le banche dei mercati emergenti, essendo in una posizione finanziaria molto migliore, è probabile che il passo nel vuoto lasciato dalle banche dei paesi avanzati, faranno aumentare la loro importanza relativa agli investitori stranieri. Quindi per il sistema finanziario globale è probabile che assisteremo ad un passaggio e un predominio più forte dei mercati emergenti con le loro le banche, in particolare all'interno delle proprie regioni geografiche. fonte