La mia foto

Dopo tanto lavoro, finalmente posso dedicarmi a quello che da sempre avrei voluto fare. Tuffarmi nel mondo della finanza, dell'economia e del trading. Lo studio è quello che più mi gratifica, dopo che la vita m'aveva portato verso altri lidi. Il mio impegno è costante e grazie ad internet sto cercando di carpire metodi consoni a questa mia nuova attività.

chart

chart

Calendario Economico fornito da Forex Pros - Il Portale di Trading sul Forex.

lunedì 16 gennaio 2012

Le "vere"cause dietro il downgrade della Francia

I problemi finanziari di fronte alla zona euro sono una conseguenza dei crescenti squilibri esterni e le divergenze di competitività, tra nucleo della zona euro e la cosiddetta" periferia ".
Per questo, crediamo che un processo di riforma sulla base di un pilastro di austerità fiscale da sola, rischia di diventare controproducente, in quanto la debole domanda interna è in linea con le crescenti preoccupazioni dei consumatori "sulla sicurezza del lavoro e il reddito disponibile, procurando la riduzione delle entrate fiscali nazionali ". 

S & P, estratto dalla sua logica di declassamento di Francia et al, 13 ° Gennaio 2012

- Che S&P abbia fatto parte integrante della  finanziarizzazione fraudolenta che ci ha portato a questa
crisi, è fuor di dubbio.

- Che S&P abbia, in precedenza, declassato sia gli Stati Uniti che il Giappone, non riuscendo a capire che i loro debiti di grandi dimensioni sono perfettamente sostenibili nelle circostanze attuali (cosa confermata dal fatto che il loro declassamento non ha avuto alcun effetto apprezzabile sui rendimenti dei titoli di questi due paesi), è altrettanto evidente.

- Che la logica di S&P, di cui sopra, per il downgrade della Francia sia proprio corretta, non c'è il minimo dubbio.


La nostra crisi è una crisi del settore bancario Europeo che è stata, a sua volta, causata dai sottostanti squilibri commerciali e nei flussi di  capitale all'interno del sistema dell'euro. I guai del settore pubblico della Grecia, il cul de sac del rifinanziamento in Italia, la situazione attuale della Francia, questi sono tutti epifenomeni della crisi. Le cause più profonde sono due:

1. La prima è il deflusso di capitali dalla Germania verso la periferia negli anni '90 e oltre. E' stata la ripercussione immediata del grande esperimento Tedesco degli anni '90, quando il tasso di crescita dei costi unitari del lavoro Tedesco è stato spinto ben al di sotto dei salari Tedeschi e dell'equivalente Francese. In concomitanza con i grandi investimenti dell'industria Tedesca in beni capitali per migliorare la produttività, la forte pressione sui salari Tedeschi ha spinto al massimo i profitti delle imprese. Impossibilitato a trovare un rendimento decente all'interno della Germania, questo capitale ha preso la via verso il sud, attraverso  le banche  Franco-Tedesche che hanno colto al volo l'opportunità di espandersi in nuovi paesi (e dove i premi sul tasso di interesse abbondavano).

2. La seconda dipende dal modo in cui le banche Franco-Tedesche hanno imitato Wall Street e la City sul potenziamento a leva (spesso con rapporti di indebitamento superiori a 50:1) nel deflusso dei capitali prevalentemente Tedeschi verso la periferia, in alcuni paesi verso il settore privato (ad esempio in Spagna ), mentre in altri paesi è risultato più facile vendere le loro merci al settore pubblico (ad esempio in Grecia).

Così, quando il crollo del 2008 ci ha colpito, era inevitabile che le regioni della periferia in deficit sarebbero scoppiate sotto il peso di questi prestiti, e le stupide banche Franco-Tedesche sarebbero cadute nell'insolvenza di massa. E come se non bastasse, i nostri politici hanno deciso di sostenere entrambi questi partners 'caduti'  (gli stati in deficit e le banche Franco-Tedesche), creando la madre di tutti i CDO: l'EFSF.

In breve, negli ultimi due anni, mentre la questione fondamentale è in realtà la faccenda delle banche Franco-Tedesche, sotto i riflettori ci sta una storia relativamente insignificante come quella della Grecia. Il risultato è che la zona euro ha ormai raggiunto uno stadio avanzato di disgregazione. I mercati si stanno già preparando per l'era del dopo-euro. Quindi, perché soltanto la Francia è stata declassata? Perché non la Germania? (Se ho ragione che le banche tedesche sono in difficoltà simili.) La risposta, naturalmente, è che la rottura dell'euro solleverà le banche Tedesche dal fondale fangoso con una marea ruggente (con i flussi di capitali verso la Germania, per gentile concessione del fatto che, in aggregato, la Germania è uno stato creditore). Quanto alla Francia, rimarrà impigliata nei fondali  fangosi, a ricordare il sogno perduto di diventare il centro di comando di una futura Europa federale. Questo è inevitabile ormai, a meno che l'élite francese non si risvegli alla   realtà e chieda qualcosa di veramente radicale alla Germania: un piano razionale per uscire dalla crisi prima che sia troppo tardi. fonte
Dal Blog di YANIS VAROUFAKIS