La mia foto

Dopo tanto lavoro, finalmente posso dedicarmi a quello che da sempre avrei voluto fare. Tuffarmi nel mondo della finanza, dell'economia e del trading. Lo studio è quello che più mi gratifica, dopo che la vita m'aveva portato verso altri lidi. Il mio impegno è costante e grazie ad internet sto cercando di carpire metodi consoni a questa mia nuova attività.

chart

chart

Calendario Economico fornito da Forex Pros - Il Portale di Trading sul Forex.

venerdì 27 gennaio 2012

EDISON...un'utility in standby (grafico ...in continuo AGGIORNAMENTO)

La storia infinita tra i francesi di EDF e la governance italiana, sta tenendo il titolo Edison in perenne standby.

E' di oggi la news di MF....

Edison: piccoli azionisti protestano contro l'opa di Edf.
I piccoli azionisti di Edison cominciano a muoversi per protestare contro la decisione di Edf di lanciare l'opa sulle quote di minoranza di Foro Buonaparte a 0,84 euro per azione.

Ieri MF-Milano Finanza ha ricevuto una lettera in cui l'Avvocato Calo' Carducci di Prato spiega di parlare
per conto di un gruppo di azionisti possessori di 120 mila azioni Edison assai delusi per la valutazione attribuita da Edf all'eventuale opa. "Tale prezzo", si legge nella lettera, "non sembra tener conto della contestuale cessione da parte di Edison a Delmi del pacchetto di maggioranza di Edipower: a tale proposito i miei clienti ritengono che il valore di Edipower sia di gran lunga superiore al prezzo concordato tra le parti (600 milioni per il 50% del capitale, ndr) e che, pertanto, il prezzo indicato di 0,84 euro sia assolutamente inferiore a quello reale e, di conseguenza, del tutto pregiudizievole degli interessi degli azionisti di minoranza in caso venga lanciata un'opa a tale prezzo". fondo

Aut-aut di A2A a Iren su Edipower
La partita Edison riserva nuovi colpi di scena. Edf ha presentato il quesito alla Consob sul prezzo dell'opa sulle minoranze di Foro Buonaparte, mentre A2A e Iren continuano a litigare su Edipower, l'ex genco che in base agli accordi con Edf dovrebbe finire in mano agli ormai ex-azionisti italiani di Edison.

Ieri sera, scrive MF, le due utility non avevano trovato un accordo sulla governance dell'ex genco. I nodi operativi sono due. Il primo riguarda il fatto che Iren, che avra' circa il 21% nella futura Edipower, vuole avere voce in capitolo e non dipendere da A2A, che avra' il 56% del capitale. Pertanto chiede che venga stabilita per statuto la necessita' di maggioranze qualificate sulle decisioni di natura strategica. L'utility lombarda invece non vuole che queste scelte finiscano per essere ingessate da una governance troppo vincolante. Il secondo nodo e' quello del cosiddetto tolling, il ritiro dell'energia elettrica, su cui i due gruppi hanno necessita' differenti. "Abbiamo ricevuto una nuova proposta; e' complessivamente un passo avanti rispetto alla precedente pero' ci sono ancora alcuni aspetti da rivedere, ma ancora non ci soddisfa", ha spiegato ieri sera l'amministratore delegato di Iren, Roberto Garbati, dopo che nella notte tra mercoledi' e giovedi' il cda dell'utility ligure-piemontese aveva respinto la prima offerta di A2A. Oggi proseguiranno gli incontri tra le parti. Domani infatti e' in programma l'assemblea di Delmi e in quell'occasione l'ex municipalizzata lombarda vorrebbe chiudere l'operazione Edipower. fonte

Fatto sta che il titolo si muove in laterale dal 27 dicembre 2011, in attesa di una qualche decisione definitiva che sembra arrivare giorno per giorno, ma che si trascina dietro diatribe societarie ed interessi occulti, intrisi anche di politica.

Guardando l'Ichimoku il grafico si presenta così....


AGGIORNAMENTO dopo la chiusura di GIOVEDI' 2 febbraio

AGGIORNAMENTO in chiusura di ottava 3 febbraio

AGGIORNAMENTO dopo la chiusura di lunedì 6 febbraio

Situazione invariata....lieve indicazione positiva della Kijun Sen...per il resto tutto uguale al grafico postato sopra l'aggiornamento.