La mia foto

Dopo tanto lavoro, finalmente posso dedicarmi a quello che da sempre avrei voluto fare. Tuffarmi nel mondo della finanza, dell'economia e del trading. Lo studio è quello che più mi gratifica, dopo che la vita m'aveva portato verso altri lidi. Il mio impegno è costante e grazie ad internet sto cercando di carpire metodi consoni a questa mia nuova attività.

chart

chart

Calendario Economico fornito da Forex Pros - Il Portale di Trading sul Forex.

venerdì 13 gennaio 2012

Decreto liberalizzazioni....okkio ad Atlantia

Oggi le raccomandazioni su questa Blue-Chip sono improntate all'ottimismo..

BARCLAYS    Overweight          17.00 €
JP MORGAN    Neutral               13.80 €
MEDIOBANCA   Outperform      16.60 €

ma....una voce fuori dal coro invece....
INTERMONTE    Neutral              11.50 €

Infatti (si dice che) nel prossimo decreto sulle liberalizzazioni, riguardo ai trasporti, il governo vuole inserire il metodo price-cap* da applicare alle concessionarie autostradali in materia di
tariffe.
*Legenda:
E’ il metodo più diffuso nei paesi industrializzati e prevede l’individuazione di un prezzo massimo inferiore a quello praticato in monopolio non regolato.
La regolazione cap permette di conseguire la piena efficienza produttiva, perché mantiene il rapporto ottimale di impiego dei fattori che minimizza i costi, e ogni guadagno in termini di minori costi di produzione è incamerato dall’impresa. Nella più semplice versione del price cap all’impresa regolata è concessa ampia libertà di stabilire le tariffe per i singoli servizi che fornisce. Essa può aumentare i prezzi di alcuni e diminuire quelli di altri, purché il valor medio soddisfi il vincolo imposto.


INFATTI...
***Nella parte che riguarda la parte relativa ai trasporti, all'articolo 22 il comma 5 dice di "rivedere, entro il 31 dicembre 2012 e con effetto dall'anno successivo, i sistemi tariffari dei pedaggi relativi alle concessioni in essere applicando il metodo del price cap, con determinazione dell'indicatore di produttività x a cadenza quinquennale per ciascuna concessione; in caso di mancata determinazione dei nuovi criteri tariffari nel termine indicato, i livelli delle tariffe restano fissati a quelli definiti nel 2012 e non possono subire alcun incremento fino alla rideterminazione secondo il metodo previsto nel periodo precedente".

Attualmente la convenzione con Autostrade per l'Italia, del gruppo Atlantia, prevede un riconoscimento tariffario pari al 70% dell'inflazione e commisurato all'effettivo avanzamento dei lavori previsti. Per il 2011 Autostrade per l'Italia ha ottenuto un incremento tariffario del 3,51%.***fonte