La mia foto

Dopo tanto lavoro, finalmente posso dedicarmi a quello che da sempre avrei voluto fare. Tuffarmi nel mondo della finanza, dell'economia e del trading. Lo studio è quello che più mi gratifica, dopo che la vita m'aveva portato verso altri lidi. Il mio impegno è costante e grazie ad internet sto cercando di carpire metodi consoni a questa mia nuova attività.

chart

chart

Calendario Economico fornito da Forex Pros - Il Portale di Trading sul Forex.

mercoledì 11 gennaio 2012

BlackRock Fund....ritratta...o meglio rettifica???

La partecipazione in Unicredit che - a livello aggregato - fa capo a Blackrock e' rimasta invariata al 3,09%.

Lo puntualizza il colosso statunitense del risparmio gestito in una nota sollecitata da Consob, ricordando che lo scorso 29 dicembre aveva erroneamente comunicato ai mercati di aver ridotto all'1,71% la partecipazione detenuta nel capitale dell'istituto di credito di Piazza Cordusio.

In realta', precisa ora la nota, si e' trattato di un'operazione intragruppo che non ha comportato alcuna
riduzione della partecipazione. fonte

Altra news chiarificatrice....( o giustificatrice )

I pasticci delle fondazioni

Si arresta dopo quattro sedute consecutive la forte ondata di vendite che da mercoledi' scorso si e' abbattuta sul titolo Unicredit.
Nel secondo giorno dell'aumento di capitale, scrive MF, gli acquisti sono tornati copiosi sulle azioni di Piazza Cordusio, che hanno chiuso la seduta di ieri con un rialzo del 6,04% a 2,42 euro. E anche i diritti d'opzione ieri hanno recuperato gran parte del terreno perduto chiudendo con un rialzo di oltre l'80% a 0,85 euro. Dall'analisi dei flussi di acquisto e vendita delle ultime sedute, effettuato dalle banche del consorzio di garanzia coordinato da Bofa-Merrill Lynch, Mediobanca e dalla stessa Unicredit, sarebbe emerso che dietro al tonfo di titoli e diritti ci sarebbero anche i movimenti di una parte degli azionisti strategici della banca, a partire da alcune fondazioni italiane. Quegli stessi azionisti che nei giorni scorsi non hanno risparmiato critiche al chief financial officer di Piazza Cordusio, Marina Natale, per il modo in cui l'aumento e' stato strutturato, ma che tuttavia avrebbero una parte importante di responsabilita' sulla performance negativa dei titoli e dei diritti.

Lampante e', ad esempio, il caso della Fondazione Cariverona. L'ente presieduto da Paolo Biasi, che ancora a fine dicembre deteneva una partecipazione del 4,2% nella banca guidata da Federico Ghizzoni, nei giorni scorsi avrebbe ceduto sul mercato un pacchetto dello 0,7% del capitale, in portafoglio al costo storico. Un atteggiamento analogo lo avrebbero avuto anche alcune fondazioni minori che, a corto di liquidita' per seguire l'aumento, nella giornata di ieri avrebbero scaricato sul mercato una consistente fetta dei diritti d'opzione, approfittando dell'elevato valore di questo strumento all'avvio delle contrattazioni (1,36 euro). fonte

Nota : TRADER & PASSION

Perchè denunciarlo solo ora....dopo il bagno di sangue dei medio-piccoli azionisti????

Allora c'era una sorta di strategia, volta a far fuori i piccoli azionisti e far posto a soci diversi, facendo una repulist in grande stile dell'azionariato del GRUPPO???????????

In questo post ... Fabio Bolognini aveva visto Giusto!!!