La mia foto

Dopo tanto lavoro, finalmente posso dedicarmi a quello che da sempre avrei voluto fare. Tuffarmi nel mondo della finanza, dell'economia e del trading. Lo studio è quello che più mi gratifica, dopo che la vita m'aveva portato verso altri lidi. Il mio impegno è costante e grazie ad internet sto cercando di carpire metodi consoni a questa mia nuova attività.

chart

chart

Calendario Economico fornito da Forex Pros - Il Portale di Trading sul Forex.

venerdì 27 gennaio 2012

ALERT..B.pop.Milano..Procura indaga su convertendo 2009-2013

Si gonfia (nonostante i tentativi della banca) ed arriva in Procura la vicenda del Bond convertendo 2009-2013 della B.P.Milano.

***Entra nel vivo l'inchiesta della Procura di Milano sul bond convertendo 2009-2013 della B.P.Milano....

Tra ieri e oggi, informa MF, il pubblico ministero Roberto Pellicano ascoltera' un campione di obbligazionisti per raccogliere testimonianze sulle modalita' con cui la banca ha venduto il prodotto. Questa vicenda e' gia' stata oggetto di un'istruttoria della Consob, che ha portato alla sanzione nei confronti di tre top manager, tra cui l'allora direttore generale Fiorenzo Dalu e il suo successore Enzo Chiesa. La Procura, venuta a conoscenza della sanzione, ha chiesto alla Commissione gli
atti dell'istruttoria, ritenendo che fosse necessario un approfondimento della vicenda e cosi' ha avviato una serie di acquisizioni di atti presso la Bpm.*** fonte

Intanto B.P.M. cerca di di DISINNESCARE la MINA

***Il neoconsigliere delegato Piero Montani e Andrea Bonomi, presidente del Consiglio di Gestione di B.P.Milano, vogliono disinnescare una mina che puo' rivelarsi molto pericolosa per la banca: il bond convertendo 2009-2013.

L'obbligazione, scrive Milano Finanza, fu emessa nel 2009 per raccogliere liquidita' in alternativa a un aumento di capitale (all'epoca suggerito da Mediobanca). Per il momento non risulta alcuna proposta ufficiale, ma all'interno del consiglio di sorveglianza (espressione degli azionisti della banca) c'e' un certo tam tam intorno a una prima ipotesi concreta. Di cosa si tratta? La banca potrebbe lanciare un bond a cinque anni con un rendimento intorno al 12%. L'obbligazione, regolarmente quotata sul Mot, non andrebbe pero' in negoziazione, ma verrebbe sottoscritta integralmente dagli investitori del convertendo 2009-2013 attraverso un collocamento privato. Risultato? Allo scadere dei cinque anni i risparmiatori potrebbero recuperare parte delcapitale versato erifarsi cosi' delle sanguinose perdite subite con il convertendo. Una soluzione di questo genere non rappresenterebbe un unicum nella storia di Bpm. Gia' nel 2010 l'allora presidente Massimo Ponzellini elaboro' un meccanismo simile per rimborsare i sottoscrittori delle polizze islandesi di Bipiemme Vita. In quel caso il gruppo propose di trasformare le polizze in prodotti con prestazioni garantite da una serie di nuovi asset acquistati a copertura delle riserve.*** fonte

Nota TRADER & PASSION
Bisogna dire che la decisione della Pop di Milano di anticipare la scadenza del "convertendo",  ha dimostrato come l'istituto meneghino sia tutt'altro che serio, infondendo verso i propri investitori, quella sensazione di fregatura tanto palese quanto sleale nelle intenzioni.