La mia foto

Dopo tanto lavoro, finalmente posso dedicarmi a quello che da sempre avrei voluto fare. Tuffarmi nel mondo della finanza, dell'economia e del trading. Lo studio è quello che più mi gratifica, dopo che la vita m'aveva portato verso altri lidi. Il mio impegno è costante e grazie ad internet sto cercando di carpire metodi consoni a questa mia nuova attività.

chart

chart

Calendario Economico fornito da Forex Pros - Il Portale di Trading sul Forex.

venerdì 30 dicembre 2011

Dalla CNN...Cosa c'è nella lista dei desideri per l'Europa 2012..

Per dovere di cronaca, riporto una dichiarazione fatta da un economista di Barcklay Capital ad una corrispondente della CNN.
Volete sapere che cosa ci dovrebbe essere sulla lista dei desideri europei, se si vuole che la moneta comune, sopravviva oltre il 2012..?  
L'abbiamo chiesto ad un economista di primo piano di Barclays Capital, Julian Callow  che ha formulato il suo piano di battaglia - ma che può funzionare solo se l'Europa è disposta ad andare oltre gli obiettivi politici unitari: "Stiamo ancora parlando di un gruppo di Stati nazione che hanno questa moneta comune, ma ciò che i mercati vogliono vedere davvero è un chiaro e decisivo piano, per passare ad un unione politica della zona euro", ha detto Callow alla CNN.

Il suo check-list per il 2012 include impegno serio da parte dei governi nell'equilibrare i loro bilanci, un
euro debole ed una maggiore dinamicità della Banca centrale europea.

Ma mentre questi fattori potrebbero segnalare ai mercati che l'Europa fa sul serio l'unione politica, ci sono ancora probabilità di essere dubbiosi, sul fatto che le diverse economie del continente con diverse priorità, non potranno mai venire aggregate come Stati Uniti d'Europa.

Certo, la data marzo 2012 stabilita dal cancelliere tedesco Angela Merkel e il presidente francese Nicolas Sarkozy per un rinnovato trattato UE sembra sfrenatamente ambiziosa!

Callow su questo è d'accordo ed ha soggiunto "Guardate quanti anni ci son voluti per creare la Costituzione americana".
Parte del problema, naturalmente, è che ogni giocatore chiave della zona euro ha una propria lista di desideri.
La Germania vuole un'unione di austerità con il debito pubblico al minimo e che ognuno rispetti regole e sanzioni pesanti nei confronti di coloro che cercano di forzarle.
La Francia vuole un sistema in cui i singoli paesi abbiano il controllo delle cose a livello nazionale.
La Spagna e Italia hanno problemi diversi, e per i paesi più piccoli si vuole fare in modo che siano rappresentati a livello europeo a livelli diversi.
Se aggiungiamo nel 2012 le elezioni presidenziali francesi nel mix, il quadro diventa ancora più complicato.

In mezzo a questo tira e molla, sarà compito della BCE, mantenere sotto controllo i mercati - un dovere dice Callow, che sarà sempre più difficile da soddisfare.

Inoltre, l'Italia, in particolare, dovrebbe avvalersi della struttura FMI per eliminare i dubbi sulle sue finanze... "Se avesse qualche linea di credito precauzionale, questo darebbe ai mercati più fiducia nel debito italiano", ha aggiunto l'economista.

Questo ci porta al Callow desiderio più importante per il 2012: pasticcio Italia.

"Se si può risolvere in Italia, se si può smorzare la preoccupazione che i mercati hanno, allora credo che le preoccupazioni si dissiperanno in modo significativo anche altrove".

Il focus su Italia sembra inevitabile, dal momento che i mercati sono già rassegnati alla perdita della Grecia e ora spostano l'attenzione verso altri paesi con problemi di debito imponente, e cioè Italia, Portogallo, Irlanda e Spagna.

"I mercati stanno dicendo che non sono 100% sicuri che alcuni di questi paesi sono fiscalmente solventi ed è per questo che tanta parte del compito dei politici e dei governi è quello di rassicurare il mercato", ha detto Callow.

L'Italia, secondo Callow, può farla facendo un fermo impegno per un piano di austerità.

Allo stesso tempo, la Spagna ha l'opportunità di ridurre il deficit e introdurre piani per consolidare il suo settore bancario.

Portogallo e Irlanda, nel frattempo, sono abbastanza piccoli da essere coperti dai programmi di FMI e finanziamenti europei.

In breve, nel 2012 e oltre, per la zona euro sarà necessario un insieme di regole per meglio far funzionare l'intero sistema. Per ora l'attenzione è rivolta austerità finanziaria e ripristinare l'aspetto della solvibilità agli occhi degli investitori.

La sfida più grande per i governi, è dimostrare che sono veramente impegnati a raggiungere l'equilibrio dei bilanci e l'attuazione di politiche difficili per promuovere la crescita.

Solo allora i mercati crederanno davvero in un'Europa per un futuro di lungo termine, desiderosa di unione politica se un giorno questo sarà possibile. fonte

Opinione personale:
Insomma nessuna buona novella, sotto il sole del bel paese!