La mia foto

Dopo tanto lavoro, finalmente posso dedicarmi a quello che da sempre avrei voluto fare. Tuffarmi nel mondo della finanza, dell'economia e del trading. Lo studio è quello che più mi gratifica, dopo che la vita m'aveva portato verso altri lidi. Il mio impegno è costante e grazie ad internet sto cercando di carpire metodi consoni a questa mia nuova attività.

chart

chart

Calendario Economico fornito da Forex Pros - Il Portale di Trading sul Forex.

venerdì 23 dicembre 2011

CRISI EUROZONA...I 10 fallimenti dei leader europei

Proprio come il credit crunch di tre anni fa, la crisi attuale zona euro sarà senza dubbio oggetto di discussione infinita su libri e fornendo molti esempi interessanti per economisti e per il futuro del mondo stesso.
Se le lezioni saranno apprese correttamnete, le crisi future dipenderanno in gran parte nel saper evitare questi problemi, se si crede che la storia si ripete. E questo è un altro argomento che divide l'opinione pubblica tanto quanto la stessa zona euro.


Ecco di seguito un parere di accademici del Centro della Oxford University per gli studi internazionali, che hanno identificato 10 errori principali riguardanti i leader
europei, per il modo in cui hanno gestito il problema, anche se la saga è ben lungi dall'essere finita. 
L'associato Fellow Kirsty Hughes, per esempio, dice che gli errori sono in gran parte sia politico-democratici che di natura economica.
Ecco un elenco di dove Hughes conferma come i leader europei hanno fatto delle cose in modo sbagliato:

1) La mancanza di visione politico-europea con annessa strategia.

A parte il parlare di bilanciamento budget insieme ad una pila di debito gigantesco comune per tutta Europa, Hughes dice che la regione ha bisogno ora di una visione "per dimostrare che l'UE è molto più di una moneta unica, che ha una corrente e futuro politico, sociale ed economico finalità e dinamicità. "Come si può ottenere sui mercati obbligazionari investimenti in Europa per i prossimi 10 o 20 anni senza una chiara visione di obiettivi combinati? Soprattutto con paesi litiganti per l'erosione della sovranità che possono derivare con le modifiche proposte per l'UE per cambiare i trattati, come sostiene il cancelliere tedesco Angela Merkel che dice di essere essenziali per la futura integrazione.

2) Lo squilibrio dei rapporti di forza tensioni tra gli Stati membri:
 
Ecco una domanda per voi: chi conta davvero in seno all'Unione europea? Le due più grandi economie, Francia e Germania? I 17 paesi dell'UE che condividono l'euro? O l'intero 27, compresi i 10 più che non fanno parte della unione monetaria?La risposta dipende da chi sei. Mentre la crisi si è approfondita, Francia e Germania - con una notevole quantità di capitale politica e finanziaria ha investito nel progetto euro - hanno assunto il ruolo di protagonista. Hughes continua dicendo che la concentrazione del processo decisionale su due paesi e una manciata di funzionari non eletti "rappresenta il peggiore dei mondi e dei comportamenti".
Non solo il processo è stato dolorosamente lento e dietro la curva, lei dice che ha spesso visibilmente non è riuscito a portare altre parti interessate nei negoziati, e cioè gli altri 15 membri che condividono lo stesso destino.
Ancor meno attenzione è stata dedicata ai dieci membri più UE che non fanno parte della zona euro.

3) Trascurando il ruolo dell'UE sulla scena mondiale.

Anche se i progressi sono stati dolorosamente lenti quando si tratta di risolvere i mali interni dell'Europa, Hughes sostiene che l'Unione europea ha preso il suo sguardo dalla palla sulla sua politica estera, in un momento chiave di sconvolgimenti nel Mediterraneo e Medio Oriente. Hughes dice che dopo i moti primavera araba, l'Europa dovrebbe essere più presente, affermare e definire il suo ruolo nel nuovo ordine per mantenere l'influenza.

4) Per mancanza di scelte politiche, è l'austerità l'unica risposta?

Durante la crisi zona euro, i francesi assieme ai tedeschi sostengono come cura meravigliosa sia l'austerità. Deglutire questa medicina come la soluzione in Grecia e Portogallo, sono sorti molti dubbi su questo metodo. Con l'attuazione di tagli profondi si soffoca qualsiasi crescita futura e porta alla fame una generazione perduta, tuttavia pochissime alternative politiche credibili sono state avanzate da uno dei membri dell'Unione europea.

5) In caso di mettere le persone al primo posto.

Hughes continua dicendo che i leader europei hanno agito come se non ci fossero gli economisti o gli accademici, non riuscendo a vedere produzione di reddito, privi di speranza in luoghi come la Spagna, per esempio, dove la disoccupazione tra i giovani corre al 40%. Si dovrebbe dire a quei capi di governo che non danno speranza ai loro cittadini che non dovrebbero meritare il titolo di 'leader'.

6) Emersione dei governi tecnocratici.

Due paesi della zona euro - Grecia e Italia - sono ora gestiti da tecnocrati non eletti dal popolo. Che di per sé, dice Hughes è un fallimento della democrazia a livello nazionale ed internazionale.

7) Il deficit democratico dell'UE.

Le debolezze della UE sono state esposte molto prima della crisi dell'eurozona prendesse slancio. Gli elettori francesi, olandesi e irlandesi ha respinto nuovi trattati costituzionali per il blocco, esponendo la mancanza di coesione. Mentre alcuni sostengono che trasformare l'UE in una entità federale sarebbe la migliore risposta alla crisi, dice Hughes, data i sostanziali 'No'  con voti a modifiche del trattato precedente, qualsiasi iniziativa del genere sarebbe prematura in questa fase.

8) I fallimenti della macroeconomica.

Germania e Regno Unito sposano il parere di una più rigorosa disciplina di bilancio, come risposta per paesi come Grecia, Portogallo, Irlanda e Italia - le nazioni che hanno grandi debiti e poca speranza di ripagare i loro debiti a breve. Detto questo, non tutti gli economisti concordano sul fatto che i tagli sono sempre la chiave per risolvere una crisi. Tali paesi sono stati già affetti da bassa crescita e ora i licenziamenti del settore pubblico e tagli alle pensioni potrebbe anche indurre ad un crollo della domanda di beni e servizi, con un drop off della fiducia di consumatori e imprese.

9) Come affrontare i mercati finanziari.

Il fatto che i leader europei, per rassicurare i mercati finanziari all'inizio della crisi greca abbia magnificato il costo e la portata della crisi attuale lasciando la regione in una situazione in cui alcune delle sue più grandi economie (come l'Italia) potrebbe presto essere in grado di finanziarsi come una nazione normalmente fa sui mercati obbligazionari aperti. Hughes dice che è tempo di buttare fuori il 'neoliberismo' dal libro delle regole, in cui viene spostato il controllo dal pubblico al settore privato. Oppure, i politici europei continueranno a ripetere gli errori di 80 anni fa.
 
10) I fallimenti micro-economici.

Il progetto della zona euro ha dimostrato che senza simili livelli di produttività, le tensioni economiche che i membri dell'unione monetaria soffrono continueranno a diventare più evidenti, dice Hughes. Salari, prezzi, disoccupazione e tutta una serie di altri fattori continuano a variare notevolmente tra i paesi membri. Se il saldo è giusto, il paese può rimanere competitivo. Se è sbagliato, si può anche spendere per compensare il deficit - come la costruzione di nuove autostrade e aeroporti, che creano posti di lavoro. Tale spesa porta a grandi deficit, che in seguito si allargherà quando l'economia rallenta. fonte