La mia foto

Dopo tanto lavoro, finalmente posso dedicarmi a quello che da sempre avrei voluto fare. Tuffarmi nel mondo della finanza, dell'economia e del trading. Lo studio è quello che più mi gratifica, dopo che la vita m'aveva portato verso altri lidi. Il mio impegno è costante e grazie ad internet sto cercando di carpire metodi consoni a questa mia nuova attività.

chart

chart

Calendario Economico fornito da Forex Pros - Il Portale di Trading sul Forex.

lunedì 14 novembre 2011

UNICREDIT... a caccia di LIQUIDITA'

Il più grande gruppo del nostro sistema bancario è oggi alle prese con l'assemblea del CDA .
All'ordine del giorno ci saranno tematiche che variano da una visione del quadro generale del Gruppo con prospettive atte a rafforzare una liquidità (si spera) contingente, che comunque va ricercata per poter ottemperare a quei requisiti chiesti dal SIFI (Systemically Important Financial Institutions).
In prospettiva dell'assemblea per il rinnovo del consiglio di amministrazione prevista per il mese di maggio 2012, si discuterà anche di un eventuale riassetto societario, nel quale i soci esteri e i fondi internazionali, potrebbero pesare più degli italiani nelle scelte degli amministratori. Per non parlare di una
probabile decisione su il dimagrimento del Gruppo, resosi necessario per contenere i costi, visto gli attuali 160 mila dipendenti. All'ordine del giorno ci sarà anche la cessione ***dell'equity-research Unicredit comprendente circa 400 aziende provenienti da Monaco, Vienna, Milano e Londra. Equity-vendita del Gruppo non è tra i primi tre in Italia e in Germania secondo gli utenti di Thomson Extel 2010 in una sua indagine***. fonte
***C'è da dire inoltre che a seconda di come terminerà la ricapitalizzazione, potrebbero anche esserci sorprese con l'ingresso di altri soci pesanti dall'estero, come quelli ipotizzati dei fondi sovrani del Qatar, Qia, e della Cina, Cic.***fonte
Per avere un quadro generale di come è strutturato attualmente l'azionariato di UNICREDIT, inserisco in questo post, la lista completa della sua composizione.
 Principali azionisti:

    Mediobanca - 6.761%
    Aabar Lussemburgo sarl - 4.991%
    Central Bank of Libya - 4.988%
    Fondazione Cassa di Risparmio di Verona, Vicenza, Belluno e Ancona (Fondazione Cariverona) - 4.984%
    BlackRock - 4.024%
    Fondazione Cassa di Risparmio di Torino - 3.719%
    Carimonte Holding - 3.122%
    Lia (Libyan Investment Authority) - 2.594%
    Allianz SE - 2.201%
    Barclays Global Investors UK Holding SA - 2.003%
    ABN AMRO - 1,88%