La mia foto

Dopo tanto lavoro, finalmente posso dedicarmi a quello che da sempre avrei voluto fare. Tuffarmi nel mondo della finanza, dell'economia e del trading. Lo studio è quello che più mi gratifica, dopo che la vita m'aveva portato verso altri lidi. Il mio impegno è costante e grazie ad internet sto cercando di carpire metodi consoni a questa mia nuova attività.

chart

chart

Calendario Economico fornito da Forex Pros - Il Portale di Trading sul Forex.

martedì 29 novembre 2011

Logica economica...l'austerità serve?


Con i tagli alla spesa dei governi europei, molti si chiedono se questo potrebbe peggiorare le cose. In Inghilterra per esempio, le recenti stime OCSE suggeriscono che l'austerità porterà ad una nuova recessione, che a sua volta può portare ad un più alto debito pubblico e PIL rispetto a prima. Mentre il dibattito si scalda, vediamo di capire usando una fredda logica economica.
L'austerità potrebbe essere controproducente? Una riduzione della spesa pubblica può veramente portare ad un tal forte calo dell'attività dove gli indicatori di performance fiscale effettivamente peggioreranno?

C'è chi sostiene che un taglio delle spese (o un aumento delle imposte) sarebbe controproducente in quanto riduce la domanda, tanto che le entrate fiscali crollano così forte che, a seguire il deficit in realtà aumenta. Nei modelli di serie questo è una specie di effetto
“curva di LAFFER” (è una curva a campana che mette in relazione l'aliquota di imposta con le entrate fiscali. Fu impiegata da Arthur Laffer, economista dell'University of Southern California, per convincere l'allora candidato repubblicano alle presidenziali Ronald Reagan, a diminuire le imposte dirette). che in realtà non è possibile. Inoltre, se fosse vero, ne seguirebbe che un aumento della spesa potrebbe effettivamente portare a ridurre il disavanzo, perché una maggiore crescita potrebbe aumentare le entrate fiscali così tanto che superano l'aumento delle spese. Questa proposizione è stata testata più volte negli Stati Uniti, non riuscendo ad essere efficace, se si parte dal presupposto che una perdita della domanda ha anche effetti esterni (perdita di capitale umano ovvero disoccupazione).

Curva di LAFFER

L'austerità può far crescere il debito / PIL?

In Europa la preoccupazione maggiore è invece il rapporto debito/PIL. La prospettiva qui è che 'austerità' potrebbe essere controproducente, nel senso che il conseguente calo del PIL è così grande che il rapporto debito / PIL aumenta il rapporto. Questo è importante in quanto il rapporto debito / PIL è spesso considerato dai mercati finanziari come un indicatore della sostenibilità. Quindi un deficit più basso potrebbe effettivamente aumentare le tensioni nei mercati finanziari.
Qui mi dimostra che questo tipo di risultato potrebbe davvero verificarsi, ma solo nel breve periodo. Nel medio-lungo periodo, il rapporto debito / PIL deve migliorare anche se di taglio deficit PIL si abbassa. Anticipando i risultati del ragionamento, si può dimostrare in un modello standard che nel breve periodo una regolazione fiscale può essere controproducente se il prodotto del debito di partenza / PIL e il moltiplicatore (della politica di bilancio in uscita) è superiore a uno.
Per esempio, questa condizione potrebbe essere soddisfatta per i paesi con debito/PIL superiore al 100% se crediamo nei “keynesiani” modelli con moltiplicatori fiscali che superano uno (cioè l'impatto di maggiori spese in uscita è più grande l'importo della spesa stessa ). Tuttavia, nella maggior parte dei “neo-keynesiani” modelli dei “moltiplicatori” spesso sono notevolmente inferiori a questa. Se questi modelli descrivono meglio la realtà è improbabile che l'austerità potrebbe essere controproducente - anche nel breve periodo.
Semplici calcoli
Ecco come il breve periodo autodistruttivo meccanismo potrebbe funzionare. Ad esempio l'Italia - con il rapporto debito/PIL del 120% riduce il suo disavanzo dell'1% del PIL entro il taglio della spesa pubblica.
  • Se il moltiplicatore è 1,5, il tagliare la spesa sarebbe inferiore PIL 1,5%.
  • Il calo del PIL da solo, farebbe aumentare il rapporto debito/PIL del 1,8%.
Ma questo è più che la riduzione del debito ottenuto direttamente dal taglio delle spese.
Il lungo periodo di calcolo è un po 'più coinvolto. Ci sono due ragioni per il risultato generale che un aggiustamento fiscale non può essere controproducente nel lungo periodo:
  • In primo luogo, la maggior parte dei modelli che assumono un taglio della spesa riduce la domanda nel breve periodo, ma che l'economia si riprenderà dopo un po 'per il suo percorso precedente.
In questo caso, il rapporto debito/PIL sarà inferiore a lungo termine in quanto il PIL torna al percorso, ma il debito non resta inferiore a quello che sarebbe stato senza l'austerità.
Ne consegue che qualsiasi aumento nel breve periodo del debito/PIL a causa del breve periodo calo della domanda deve essere pienamente compensate nel lungo periodo. Pertanto nel lungo periodo l'impatto di un deficit inferiore al debito/PIL è pari alla riduzione del disavanzo stesso.
  • In secondo luogo, supponendo che sia il taglio della spesa pubblica e il suo impatto sul PIL sono permanenti, il debito/PIL deve migliorare nel lungo periodo.

    Il punto di base è semplice. Il taglio deficit permanente abbassa il tasso di crescita del debito, mentre l'impatto permanente sul PIL è del percorso per abbassare il tipo, non la crescita per abbassare il tipo. Così una prima maggiorazione di debito/PIL sarà invertito nel corso del tempo.

Naturalmente una versione ancora più estrema vuole che il taglio permanente del deficit può ridurre nel lungo periodo il tasso di crescita, ma questo non è un risultato trovato anche nei modelli keynesiani più estremi .

Il problema... breve o lungo?

La domanda chiave nel contesto della crisi attuale zona euro è quindi se i mercati finanziari si concentrano solo sul breve o lungo periodo. I potenziali acquirenti di bond italiani ad un anno dovrebbero guardare nel lungo periodo l'impatto del taglio deficit a livello del debito, che è abbastanza certo di essere positivi. Naturalmente, se i mercati non sono razionali e di reagire solo al breve periodo effetto il risultato potrebbe essere diverso.

Politica e conclusioni 

Quindi cosa dovrebbero fare i governi? Abbandonare l'austerità perché i mercati finanziari potrebbero essere miopi? Questo non farebbe che ritardare la resa dei conti, come gli indici di indebitamento aumenterebbero nel lungo periodo.

  • Un paese che entra in un periodo di avversione al rischio con un eccesso di debito, i grandi volti sono scelte sbagliate.
  • L'attuazione dei piani di austerità credibile costituisce il male minore, anche se questo aggrava la recessione ciclica nel breve. 
    Tutto sommato, la conclusione è che è difficile sostenere che i paesi periferici della zona Euro dovrebbero abbandonare i tentativi di ridurre i loro deficit, perché i risultati arriveranno solo nel lungo periodo (de Grauwe 2011). fonte

Per un'ulteriore semplice analisi formale cliccare qui