La mia foto

Dopo tanto lavoro, finalmente posso dedicarmi a quello che da sempre avrei voluto fare. Tuffarmi nel mondo della finanza, dell'economia e del trading. Lo studio è quello che più mi gratifica, dopo che la vita m'aveva portato verso altri lidi. Il mio impegno è costante e grazie ad internet sto cercando di carpire metodi consoni a questa mia nuova attività.

chart

chart

Calendario Economico fornito da Forex Pros - Il Portale di Trading sul Forex.

venerdì 7 ottobre 2011

Chi perde...chi vince... nella guerra delle valute.

 Svalutazioni, rallentamenti, guerre valutarie, il 2011 è un altro anno tumultuoso per i mercati. I mercati emergenti da guadagnano più da un declino valuta, particolarmente quando si tratta di esportazioni?
Questa settimana il grafico prende in 12 paesi e come si confronta in termini di movimento di valuta (rispetto al dollaro), la dipendenza dalle esportazioni (in percentuale del PIL) e il volume delle esportazioni.
Qualsiasi paese a sinistra della linea rossa tratteggiata ha visto quest'anno, una generale svalutazione della sua moneta, rendendo le esportazioni più convenienti. Qualsiasi paese a destra ha avuto invece un'apprezzamento della sua valuta, rendendo le esportazioni più costose. I paesi
in cima alla tabella hanno un alto livello di esportazioni che guida la loro economia. E la dimensione delle bolle è il valore di tali esportazioni (misurata in dollari USA). I colori identificano paesi per regione ( Asia in luce rossa , l'Europa orientale in blu , Am.Lat. in verde ). Che cosa possiamo vedere?
A giudicare da questo grafico elaborato dal Financial Time, sembrerebbe che la Turchia stia vincendo la guerra di valuta e la Cina invece la sta perdendo.
 
fonte: FMI Thomson Reuters Datastream
Ebbene, la Malesia ha una forte dipendenza dalle esportazioni, oltre l'80%. Ma la sua valuta, il ringgit, ha svalutato solo 3,4% rispetto al dollaro, una spinta per gli esportatori, ma non abbastanza per alimentare un boom delle esportazioni. All'altra estremità della scala svalutata la lira turca è giù del 17,5%, ma le esportazioni sono solo il 16,6% del PIL. L'impatto del trasferimento di valuta può aiutare le esportazioni e l'economia, ma non sarà così facile: le merci importate saranno più costose per i clienti turchi.
Dei paesi Bric, India e Brasile hanno numeri molto simili su tutte e tre misure: valuta al 9,4% verso il basso, con le esportazioni al di sotto del 15% del PIL e il valore delle esportazioni tra i 200-230 miliardi di dollari. La Russia ha una percentuale più alta nel valore delle esportazioni, ma il rublo è poco scambiato.
La Cina, però, può sorprendere: il valore delle esportazioni è il più grande dei Paesi selezionati, ma le esportazioni sono poco più di un quarto del PIL (26,9%). L'economia della Cina è più nazionale-driven come l'etichetta "Made in Cina" vorrebbe farci credere. Nonostante l'apprezzamento del renminbi  (yuan) danneggerà le esportazioni, la linea di fondo impatto sul PIL può arrivare a -1% .
Nel complesso, il paese che si affaccia nella posizione migliore per guadagnare è solo la Corea del Sud, in quanto giù solo del 5,5%, ma le esportazioni sono oltre 45% del PIL. (fonte)