La mia foto

Dopo tanto lavoro, finalmente posso dedicarmi a quello che da sempre avrei voluto fare. Tuffarmi nel mondo della finanza, dell'economia e del trading. Lo studio è quello che più mi gratifica, dopo che la vita m'aveva portato verso altri lidi. Il mio impegno è costante e grazie ad internet sto cercando di carpire metodi consoni a questa mia nuova attività.

chart

chart

Calendario Economico fornito da Forex Pros - Il Portale di Trading sul Forex.

martedì 13 settembre 2011

Se l'euro non trova casa.

dissi: ***L'avvento dell'euro come principio di dimostrazione “futurista” per un'aggregazione tra stati del vecchio continente sta miseramente crollando*** Nella situazione in cui ci troviamo non resta che sperare in una qualche forma di mutuo soccorso in quanto i cosiddetti “PIGS” stanno miseramente naufragando nel marasma del debito e nella mancata crescita. La Germania vuole che la Grecia rimanga nell'euro (anche perchè il trattato ne vieta l'uscita) ma allo stesso tempo vorrebbe scaricarsi l'onere assai gravoso di
ulteriori interventi per soccorrerla. Con la scusa della “stabilità dell'area euro” i tedeschi, forti della loro leadership (assieme alla Francia) dettano regole non scritte per salvarsi il “fondoschiena” dal possesso di enormi quantità di titoli di debito dei paesi periferici. 
Il fatto è che se all'inizio di Eurolandia le regole furono scritte per mantenere un certo comportamento, senza preoccuparsi che da lì a poco queste ultime andavano riscritte (vedi il tetto del 3% del PIL) perchè nessuno, e sottolineo nessuno dei PIIGS era riuscito a mantenerle. 
Allora mi domando? Se succede tutto questo... sarà stato un buon trattato? Ok..i padri fondatori non avevano previsto una simile situazione come quella in cui ci troviamo attualmente! E' anche vero che senza il rispetto di norme ben precise i mercati finanziari si autodistruggeranno! A suo tempo ( La malattia dell'Europa ) avevo fatto notare come l'avvento dell'euro sia stato nelle intenzioni una buona cosa, ma che senza una directory economico/politica del sistema tutto sarebbe stato più difficile. Peggio ancora sarebbe un gesto molto in auge di chi si arrende ed è quello di “gettare la spugna”. La sensazione è che non sia una lotta tra i vari paesi per la sopravvivenza economica nel vecchio continente, ma un'esplicita reazione ad una subdola condanna di strapoteri, che dall'alto dei loro interessi tirano le fila a loro piacimento con speculazioni ad arte finalizzate ad ottener ragione di situazioni economiche giudicate poco profittevoli. Sperare che il mondo vivrà un futuro senza crisi economiche è pura utopia, e la ragione è da ricercare "nell'esiguo numero di straricchi” che comandano i seppur moderni “ numerosi plebei”.