La mia foto

Dopo tanto lavoro, finalmente posso dedicarmi a quello che da sempre avrei voluto fare. Tuffarmi nel mondo della finanza, dell'economia e del trading. Lo studio è quello che più mi gratifica, dopo che la vita m'aveva portato verso altri lidi. Il mio impegno è costante e grazie ad internet sto cercando di carpire metodi consoni a questa mia nuova attività.

chart

chart

Calendario Economico fornito da Forex Pros - Il Portale di Trading sul Forex.

mercoledì 8 giugno 2011

Ecco 10 punti critici che potrebbero far precipitare il mondo in un incubo economico

***L'economia globale è diventata così incredibilmente instabile, che a questo punto non ci vorrà molto a farla precipitare il mondo in un incubo economico orribile. I fondamenti del sistema economico mondiale sono così degradati, così corrotti che anche una brezza tesa potrebbe rovesciare l'intera esausta struttura. Negli ultimi due mesi una sfilza costante di cattive notizie economiche sono arrivate dall'Europa, Asia e Stati Uniti. Segni di un imminente rallentamento economico sono ovunque. Quali saranno le cause a questo "punto di non ritorno"che innescheranno la prossima crisi economica globale? Nessuno lo sa con certezza, ma potenziali punti critici sono tutti intorno a noi.
Oggi, il sistema economico globale è ancora più vulnerabile di quanto lo fosse già nel
2008. Praticamente nessuno dei problemi sistemici che hanno contribuito al crollo 2008 sono stati fissati.
Mark Mobius, capo del Desk mercati emergenti della Templeton Asset Management, è stato di recente citato in un'intervista a Forbes ....
"C'è sicuramente.... sarà un'altra crisi finanziaria dietro l'angolo, perché non abbiamo risolto nessuna delle cose che hanno causato la crisi precedente." La "riforma finanziaria" legge che Barack Obama e il Congresso ha approvato qualche tempo fa s'è dimostrata uno scherzo completo e totale. Si poteva anche aver scritto la legge sulla carta igienica per tutto il bene che sta facendo all'economia statunitense. Non abbiamo imparato dai nostri errori ed il nostro futuro economico sta per essere ancora più doloroso. Il mondo sta annegando in una montagna di debiti, il sistema finanziario globale è pieni fino all'orlo con derivati ​​tossici, ognuno è sfruttato fino in fondo e le tessere del domino potrebbero iniziare a decrescere in qualsiasi momento. Io non sono l'unico che avverte che un altro crollo finanziario è in arrivo. In realtà, un sacco di persone sono state in guardia dopo l'ultimo  recente crollo finanziario. Allora quale sarà il punto di svolta per il prossimo crollo? I seguenti punti sono alcuni dei candidati potenziali ....
1° Punto che dobrebbe cambiare: SIRIA
La Siria è una situazione da monitorare molto, molto da vicino. Il governo siriano è al momento in un sacco di problemi. Purtroppo, l'instabilità all'interno della Siria rende probabilmente la guerra con Israele ancora più probabile. Non commettiamo errori - una guerra tra Israele e Siria sarà la birra per un lungo, lungo tempo e ad un certo punto si verificherà. Quando succede, l'intero Medio Oriente può sfociare in una guerra dagli esiti imprevedibili.
  Punto che dobrebbe cambiare: IRAN
Il programma nucleare iraniano è di nuovo la...
...notizia . Un nuovo rapporto della RAND Corporation il ricercatore Gregory S. Jones afferma che l'Iran potrebbe avere un'arma nucleare entro 2 mesi . La sua relazione si basa sulle recenti scoperte dalla Agenzia internazionale dell'energia atomica. Secondo Jones, attacchi aerei da soli non sarebbero in grado di fermare il programma di armamento nucleare. Perciò Jones dice che un '"occupazione militare" sarebbe necessaria. E' un piccolo miracolo che una guerra con l'Iran non sia ancora scoppiata. Sembra quasi inevitabile che a un certo punto sia gli Stati Uniti o Israele userà la forza militare per cercare di fermare il programma nucleare iraniano.
Quando ciò accadrà, provocherà uno scombussolamento importante per l'economia globale.
 3 ° Punto che dobrebbe cambiare: LIBIA
La NATO ha reso evidente che Muammar Gheddafi non sarà più tollerato. In effetti (si dice)che la NATO ha piani apparentemente decisi per ridurre Tripoli ad un cumulo di macerie fumanti se questo è ciò che serve per portare al crollo di Gheddafi. Perché il resto del mondo sta guardando ciò che sta accadendo in Libia, considerando che tutto ciò solleva delle gran tensioni globali?
  Punto che dobrebbe cambiare: Medio Oriente
Le rivoluzioni in tutto il Medio Oriente, all'inizio di quest'anno ha mandato i prezzi del petrolio alle stelle rimanendo continuamente su livelli elevati. E nel caso non lo abbiate notato, le rivoluzioni continuano a spazzare questa zona geografica. Se la violenza e le proteste in tutto il Medio Oriente continueranno con questa intensità, potrebbero avere un impatto molto significativo sui mercati finanziari mondiali.

Punto che dovrebbe cambiare (ma nel breve sarà un pò difficile): Fukushima
La notizia mainstream ha perso un pò di attenzione da parte dei Media, ma la situazione a Fukushima è ancora un disastro completo e totale ed è di gran lunga peggiore di quello che c'è stato raccontato. L'impatto economico del disastro è destinato a continuare per un periodo esteso di tempo, scoprendo altresì che il Giappone è ora ufficialmente in recessione.
Considerando che l'economia giapponese è la terza più grande del mondo, il fatto che stanno lottando così male in questo momento, non è un buon segno per il resto del pianeta.
Punto che dobrebbe cambiare: I prezzi del petrolio
Il prezzo del petrolio è destinato a continuare ad essere una delle più grandi storie economiche per il resto di quest'anno ed anche per il 2012.
  Punto che dobrebbe cambiare: Debito USA e prevedibile austerità
Negli Stati Uniti, non è solo il governo federale che sta annegando nei debiti, ma che soffre sono un pò tutti (o quasi) gli stati federali. Ci sono i governi statali e locali che sono al limite della bancarotta finanziaria.
Molti governi statali e locali stanno cercando di ottenere i loro bilanci in pareggio, facendo enormi tagli di bilancio. Ma la maggior parte delle volte questi programmi di austerità includono anche l'eliminazione di molti posti di lavoro.
  Punto che dobrebbe cambiare: La crisi europea del debito sovrano
La Grecia è solo la punta dell'iceberg in Europa.
Moody's ha declassato il debito greco di nuovo lo scorso Mercoledì. Questa volta l'Agenzia di Rating ha declassato il debito greco da tre livelli tutta la strada fino a Caa1 . A questo punto, il rendimento su base annua obbligazioni greche -10 è di oltre il 15 per cento. L'UE è stata impazzendo cercando di affrontare la crisi del debito greco. La verità è che un default da parte del governo greco sarebbe assolutamente catastrofico.
Ma la Grecia non è l'unica nazione europea con un problema di enorme debito.
Il governo irlandese già indica che potrebbe avere necessità di un altro piano di salvataggio .
Portogallo, Spagna e Italia sono sull'orlo dello strapiombo. Questo status quo non è più sostenibile e non può andare avanti all'infinito.
Punto che dobrebbe cambiare: Il dollaro USA debolissimo
L'euro non è l'unica grande moneta che è nei guai.
Il dollaro USA è anch'esso avviato verso il declino.
Il 18 aprile, Standard & Poor's ha modificato l'outlook sul debito pubblico americano da "stabile" a "negativo" e ha avvertito che gli Stati Uniti potrebbero presto perdere il suo rating previlegiato di tripla A. La triste verità è che la fede sul dollaro USA e sui titoli del Tesoro USA è in rapido declino. La notizia non è solo mainstream, ma in questo momento i cinesi si stanno rapidamente spogliando del debito pubblico statunitense. Come il declino del dollaro, così il potere d'acquisto degli americani medi sta già peggiorando. Stiamo già assistendo a una quantità enorme di inflazione nel 2011.
Ma questo è solo l'inizio. Molto peggio sta per arrivare sul cittadino medio giù in strada.
 10° Punto che dobrebbe cambiare: La siccità
In molte zone del mondo già sono alle prese con una grave siccità. Di seguito è riportato da un recente  articolo di Bloomberg ....

Parti della Cina, (il più grande coltivatore del mondo), c'è stato una forte diminuzione della pioggia, la più alta da un secolo a questa parte. Alcune regioni europee sono tra le più secche degli ultimi 50 anni e quasi la metà del raccolto invernale di grano negli Stati Uniti, (il più grande esportatore), è considerato scarso se non peggio. L'inventario è in diminuzione del 8,8 per cento, il più basso degli ultimi cinque anni.*** fonte